Nacomi – Two-phase makeup remover

E’ arrivato il momento di recensire questo struccante bifasico di Nacomi: si tratta del Two-phase makeup remover, uno struccante che avevo acquistato l’anno scorso al Cosmoprof per curiosità verso questo brand polacco di cui avevo molto sentito parlare (in realtà più che altro per i prodotti corpo e da bagno).

Dato che di struccanti ce n’è sempre bisogno, avevo optato per questa tipologia di prodotto. SPOILER: se prendevo una crema corpo era meglio 😀

Come indicato sulla confezione, è un prodotto vegano e contiene elementi naturali, quali l’olio di mandorle, l’olio di argan e quello di olivello spinoso.

Lo struccante, essendo bifasico, si compone di due parti, una trasparente e una oleosa gialla.

La confezione è in plastica trasparente, con tappo a scatto: questa tipologia di apertura è pessima, perchè l’olio si infila tra le parti a contatto e “straborda” anche quando il tappo è chiuso (e pensare che tengo la boccetta dritta, non oso immaginare cosa succederebbe se si rovesciasse!).

Una volta agitato e con i due liquidi mescolati, ne metto un po’ su un dischetto di cotone e lo passo sugli occhi: effettivamente strucca abbastanza bene anche il trucco waterproof, ma è davvero molto unto – mi ricorda il bifasico Sephora, non so se avete presente.

Qui sopra potete vedere l’inci in caso ne foste interessati.

Questo struccante bifasico è disponibile solo in quest’unico formato da 150 ml, non ha un pao ma una scadenza sotto forma di data e potete trovarlo su diversi shop online a circa 13 euro.

Conoscete il brand polacco Nacomi? avete mai provato qualche loro prodotto? 🙂

Dr. Hauschka – Latte detergente

Con incredibile ritardo pubblico questa recensione del latte detergente Dr. Hauschka, che mi era stato regalato al Cosmoprof. Ammetto che il latte detergente non è una tipologia di prodotto che amo usare, alla quale mi sono però approcciata agli inizi della mia “vita cosmetica” poichè mia mamma ne ha sempre fatto uso.

Questo latte detergente è pensato per le pelli sensibili ed è detergente, tonificante e idratante, grazie agli estratti di antillide, olio di jojoba, olio di mandorla e di albicocca.

Il packaging è elegante, la boccetta in vetro trasparente è chiusa da una pompetta di metallo cromato con sistema di bloccaggio. Il prodotto all’interno è chiaramente visibile dall’esterno, caratteristica che apprezzo molto. La texture è cremosa, non troppo densa ma abbastanza compatta. Il profumo è agrumato e dolce, molto buono davvero.

Di norma utilizzo questo latte detergente con un dischetto di cotone, per struccare solo gli occhi: infatti è molto delicato e non brucia nemmeno se ne entra un pochino dentro, nonostante questo è davvero molto efficace e toglie davvero di tutto! Non ci strucco tutto il viso perchè non mi piace usare texture grasse sulla pelle, e questo latte detergente, come tutti i latti detergenti, un po’ lo è.

Dopo l’utilizzo passo comunque l’acqua micellare e poi sciacquo il viso, ma è una mia preferenza personale; è possibile anche non risciacquarlo e beneficiare degli olii contenuti per nutrire la pelle.

Qui sopra potete vedere l’inci, in caso foste interessati.

Questo latte detergente è certificato secondo gli standard NATRUE, è privo di profumazioni, coloranti, conservanti sintetici, oli minerali, siliconi e PEG. Le materie prime sono ottenute, laddove possibile, da coltivazione bio-dinamica, da agricoltura biologica e in condizioni eque.

Si trova in vendita principalmente nel formato full size da 145 m a circa 20-25 euro. Io ho il formato mini da 30 ml che si può spesso trovare nei kit multi-prodotto.

Non c’è stampato il PAO perchè è indicata la data di scadenza vera e propria, che ovviamente cambia a seconda del lotto di produzione.

Avete mai provato il latte detergente Dr. Hauschka o altri prodotti del brand? 🙂

La Cremerie – Super Struccante

Avevo ricevuto questo struccante al Cosmoprof 2017  e, lo ammetto, me ne ero dimenticata. Qualche tempo fa, avendo finito il bifasico che uso in combinazione con la micellare di turno, l’ho ripescato dal cassetto e dopo averlo utilizzato per qualche mese sono pronta a parlarvene.

Innanzitutto due parole sul brand: La Cremerie non è un marchio che capita di vedere in giro, dal momento che sembra vendano solo attraverso canali professionali e online (qui il loro shop ufficiale). Si caratterizza per prodotti deluxe, naturali in media al 98-99%. Con nostro grande dispiacere non sono stati presenti all’ultimo Cosmoprof, e il loro stand colorato e allegro ci è un po’ mancato.

Ma bando alle ciance, siamo qui per parlare di uno struccante, anzi del Super Struccante!

Come vedete, il packaging è piuttosto semplice: flaconcino in plastica trasparente, erogatore a pompetta chiuso da un sigillo di sicurezza e un’etichetta con le informazioni essenziali. Sulla scatolina di cartone esterna è invece riportato il grosso delle informazioni, inci compreso.

Il sistema di erogazione non è ad “aspirazione” con cannula che scende fin sul fondo del flacone ma è a pressione, poichè la paratia di fondo si innalza ad ogni pompettata, facendo salire il liquido contenuto.

Il liquido in questione è un olio, composto da olio di semi di girasole e da estratti vegetali (calendula, borragine, abete e papaya), insieme all’aggiunta di acido lattico. Il profumo è fruttato, molto dolce.

SI può utilizzare applicandolo direttamente sul viso e massaggiandolo per sciogliere il trucco, tuttavia io preferisco usarlo su di un dischetto di cotone che poi andrò a frizionare sugli occhi per togliere eyeliner e mascara perlopiù. Ovviamente essendo un olio va poi eliminato con una micellare o col sapone.

Mi sono trovata bene perchè strucca bene anche i prodotti waterproof. Il sistema di erogazione è intelligente anche se migliorerei la potenza del getto che è un po’ violento e non dosabile.

Qui sopra potete trovare l’inci, che è molto corto e molto chiaro (bravi!).

Info tecniche: sulla reperibilità vi ho già edotto sopra, vi dico anche che il flaconcino è da 50 ml e non c’è il pao ma una vera e propria scadenza (nel mio caso, marzo 2019). Il prezzo di listino è 40,99 euro, un po’ troppo alto secondo me, anche se c’è da dire che gli ingredienti sono ottimi.

Conoscevate già La Cremerie e i suoi prodotti naturali? Amate gli olii struccanti? 🙂

Yves Rocher – Acqua micellare Sensitive Végétal

Oggi parliamo di un prodotto Yves Rocher che ho acquistato in occasione del mega ordine fatto prima di Natale principalmente per il Calendario dell’Avvento (che ho apprezzato tantissimo, mi avevate seguita nell’apertura delle caselline?).

Si tratta dell’Acqua Micellare Lenitiva 2 in 1: le due azioni sono la detergenza e la tonificazione dell pelle, in pratica è come se fosse struccante/detergente e tonico insieme.

In questi ultimi anni ho provato diverse acque micellari e ho scoperto che sono il prodotto che più preferisco per struccarmi – in precedenza utilizzavo il latte detergente, perchè mia mamma ha sempre utilizzato quello (grande fan di Oil of Olaz). Come dicevo, le acque micellari mi hanno conquistata dal primo ingresso sul mercato: niente più sensazione di unto e pesantezza sul viso! Certo, hanno comunque una parte più “scivolosa” che credo permetta di rimuovere meglio trucco ed impurità, ma parliamo davvero di tutt’altra cosa rispetto agli struccanti tradizionali.

Questa micellare Yves Rocher mi ha attirata subito perchè rivolta specificamente alle pelli sensibili: contiene infatti Estratto di Foglie di Sigesbeckia Orientalis, una pianta dalle proprietà lenitive, riparatorie e protettive.

La confezione è classica, un flacone cilindrico in plastica semirigida rosata, con tappo a scatto e foro dosatore forse un po’ poco funzionali (i tappo fa fatica a scattare e il foro è un po’ largo). All’esterno sono riportate tutte e informazioni sul prodotto in italiano, spagnolo e in una qualche altra lingua che non riconosco.

Utilizzo quest’acqua micellare con un pannetto in microfibra, inumidendolo e poi passandolo sul viso. Trovo che il pannetto in microfibra sia davvero utile ed efficace, io ormai uso solo quello (oltre alle salviette struccanti quando sono di fretta o molto stanca).

Nonostante l’acqua micellare possa non risciacquarsi, io preferisco farlo comunque, per una sensazione di maggiore pulizia. Percepisco, altrimenti, un pochino di scivolosità sulla pelle… non è l’untuosità tipica degli struccanti bifasici ma comunque mi dà un po’ di fastidio.

Qui sopra potete vedere l’inci, se interessati.

Questa acqua micellare lenitiva è disponibile nella versione da 200 ml ad un prezzo di 8,95 Euro o nel maxi formato da 390 ml a 15,95 Euro.

Vi piacciono le acque micellari? Avete mai provato le micellari Yves Rocher? 🙂

Calendario dell’Avvento Yves Rocher – 14-17 dicembre

Altro giro, altra corsa! Continuiamo a spacchettare… voi avete un Calendario dell’avvento?

14 DICEMBRE

Gli struccanti in versione da viaggio fanno sempre comodo quando si sta fuori poche notti! Non vedo l’ora di testare questo Struccante rapido occhi: è bifasico e promette di rimuovere anche il trucco waterproof.

15 DICEMBRE

Questa casellina mi ha regalato un prodotto interessante, lo Shampoo Brillantezza Intensa con olio di calendula e senza parabeni, siliconi o coloranti. Per me che ho la dermatite è comodo poter provare un prodotto nuovo senza temere di doverlo abbandonare in full size dopo aver scoperto che non è compatibile con la mia cute!

16 DICEMBRE

Altro giro altro smalto! Questa volta è capitato un bordeaux scuro, un altro classicone che non deve mancare nella collezione di ognuna di noi.

17 DICEMBRE

Gaudio e giubilo! Una minisize di Gommage Vegetale che grazie alla polvere di noccioli di albicocca esfolia delicatamente (ma efficacemente) la pelle.

* * *

Conoscete qualcuno di questi prodotti di Yves Rocher? 🙂

Psp #63: July

1 . Kocostar – Sunflower mask sheet: maschera “a bolloni” presa al Cosmoprof. Si compone di tanti pezzi di maschera rotondi raffiguranti dei girasoli, di misure diverse, fatti dello stesso materiale delle maschere di tessuto e imbevuto di siero. Le si applica sul viso – con un effetto abbastanza esilarante – e si attende che asciughino. Sinceramente non ho visto grandi benefici ma è rinfrescante e divertente.

L’inci è in coreano quindi mi sembra inutile postarlo.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

2 . Sephora – pomegranate eye mask: due maschere sagomate per l’area occhiaie, con estratto di melograno ad effetto tonificante e defaticante. Come sopra, sono una piccola coccola ma non ho rilevato grandi cambiamenti. Lo ammetto, le maschere in tessuto su di me paiono fare meno effetto di quelle in crema/gel!

Li consiglio: no
Li ricomprerò: no

3 . Coop – salviettine intime delicate: contengono succo di aloe ed estratti di camomilla. Non mi hanno creato irritazioni ma non erano molto imbevute.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: no

4 . Essence – ombretto color carne: era un ombretto matte color carne, che usavo per definire l’esterno del trucco occhi. Ha fatto il suo lavoro ed è finito, ottimo! Questa versione non è più in produzione, erano le cialde con in rilievo una specie di disegno floreale.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

5 . Giardino dei sensi Ecobio – docciaschiuma Bacche di goji: un buon docciaschiuma, dal profumo delicato e che faceva tanta schiuma. Aveva la chiusura difettosa però, quindi l’ho usato appena mi è stato regalato (contravvenendo al mio ordine di smaltimento dal prodotto più vecchio al più nuovo)!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

6 . Lumene – Bright now vitamin C night cream: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

7 . Bottega Verde – Scrub mask all’albicocca: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

8 . Parisienne – shampoo secco Lin Exence: shampoo secco ai semi di lino. Non mi ha entusiasmato perchè mi ha seccato i capelli un po’ di più rispetto ad altri suoi colleghi.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

9 . Essence – colour arts eye base: base per pigmenti, viscosa e densa…ed appiccicosa. Ottima per le polveri libere, un po’ carognina con le polveri pressate. Però ottima tenuta in tutti i casi. Continuo comunque a preferire le basi non appiccicose.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

10 . Demak Up – dischetti struccanti: non mi hanno conquistata perchè non sono cuciti e si sfaldano facilmente.

Li consiglio: no
Li ricomprerò: no

11 . Sephora – Gelée micellaire demaquillante: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

12 . Avon – gloss: vecchissimo, lo butto per disperazione perchè non lo so da anni e ha decisamente cambiato odore. E’ stato uno dei primi gloss che ho comprato, un colore my lips but better leggermente glitterato.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

Garnier – Struccante occhi express 2 in 1

Rieccoci su questi schermi con una nuova recensione! Questo prodotto l’ho proprio preso al limite perchè sta finendo e altrimenti poi non avrei più potuto fare le foto eheh

Parliamo di uno struccante occhi di Garnier, facente parte della linea Skin Naturals che privilegia attivi naturali estratti con metodologie che ne preservano qualità e purezza. Inoltre, come sempre, si tratta di prodotti dermatologicamente testati.

Avevo acquistato questo struccante perchè mi serviva qualcosa di “potente” da tenere a casa del mio fidanzato per quando le salviette struccanti non fossero bastate a togliere il trucco di quel giorno. Non volevo una confezione gigante perchè non mi sembrava il caso di lasciare un prodotto aperto per tantissimo tempo (la nostra convivenza si limita ai weekend!), e questo flaconcino da 125 ml mi sembrava fare al caso mio.

Avevo avuto altre esperienze passate con diversi struccanti Garnier e in generale non mi sono mai trovata male.

Essendo uno struccante bifasico si caratterizza per una doppia composizione, di cui una oleosa (che è poi la parte più efficace per struccare il make up più resistente) che in questo caso è viola. Utilizzarlo è semplicissimo, basta agitare il flacone per miscelare le due componenti e ottenere un risultato doppiamente efficace.

Dalla confezione apprendiamo che il 2 in 1 si esplica in un potere ultra-struccante e in un’azione fortificante per le ciglia, data dalla presenza di Arginina, un attivo naturale. Sinceramente non ho notato nessun effetto rinforzante particolarmente evidente ma potrebbe anche essere a causa del mio utilizzo saltuario.

La confezione è  quella classica in plastica semirigida con tappo a scatto. Il foro dosatore è discretamente piccolo ed evita sprechi quando si versa il prodotto sul dischetto di cotone/pannetto in microfibra (a seconda di quello che utilizzate per struccarvi abitualmente).

Apprezzo in modo particolare la confezione trasparente: suppongo di non essere l’unica che gradisce sapere esattamente a che punto è arrivata con l’utilizzo, invece di doverlo indovinare con metodi più o meno comodi XD

Qui sopra trovate l’inci, per chi fosse interessato a consultarlo.

Garnier struccante express si trova in praticamente tutti i supermercati e profumerie (i pregi di essere una marca molto diffusa!) ad un prezzo di circa 3 euro.

Avete mai provato questo struccante? siete fatalmente attratte anche voi dai bifasici colorati? 😉

Cien – Eye make-up remover

DSC_9100

Oggi vi parlo dello struccante che sto usando in questo periodo: si tratta dell’ Eye Make Up Remover di Cien. Cien è la marca di cosmetici/skincare che potete facilmente trovare nei supermercati Lidl: l’assortimento non è costante, a volte i punti vendita presentano solo alcuni prodotti e non altri… diciamo che alcune referenze possono essere più complesse da reperire. Ma non è questo il caso, dal momento che questo struccante fa parte della linea permanente.

Confesso che ero in giro cercando uno struccante per sostituire l’acqua micellare che mi era appena finita e mi sono imbattuta in questo: memore delle numerose review lette online sui prodotti Cien mi sono detta “perchè non provarlo?”

DSC_9103

Questo struccante contiene estratto di fiore di loto e di seta: la confezione non ci dice molto altro. A proposito del packaging, è un flaconcino in plastica trasparente da 150 ml, con erogatore a pompetta ma è una pompetta strana. Vi spiego: aprendo il tappo vi troverete davanti una specie di ‘piattino’ sopra al quale appoggiare il dischetto di cotone (o il pannetto in microfibra come faccio io) e schiacciando questo piattino verso il basso farete fuoriuscire il liquido. E’ un buon metodo perchè evita gli sprechi che spesso derivano da fori troppo larghi nei flaconi; e secondo me è più comodo della pompetta tradizionale perchè è più compatto nelle dimensioni.

Sul davanti della confezione è specificato che rimuove anche il trucco waterproof: insomma, per la mia esperienza i waterproof non si muovono, e i longlasting necessitano di un po’ di lavoro extra. Tuttavia, per trucchi non particolarmente impegnativi si comporta bene. E se ve lo state chiedendo, non brucia e profuma di fresco.
Dopo l’utilizzo io sciacquo la faccia come d’abitudine, e successivamente la pelle non ne risente… per dire, non tira come invece mi è capitato con altri struccanti.

Ecco l’inci:

DSC_9101

Avete mai provato questo struccante Cien o altri della stessa marca? Avete prodotti Cien da consigliarmi? 🙂

Bioderma – Solution micellaire sébium

DSC_7705

Probabilmente avrete tutti sentito parlare dell’acqua micellare Bioderma, per un periodo è stata una specie di holy grail del mondo beauty blogger. La versione più conosciuta, se avete avuto modo di vederla, ha il tappo rosa mentre questa che vi recensisco io è verde. Certo, il verde è il mio colore preferito ma non è questo il punto XD

Parliamo della Solution micellaire nettoyante purifiante (pulente e purificante) specifica per pelli miste e grasse: quando l’ho vista in negozio ho preferito provare questa perchè rispondente alle caratteristiche del mio tipo di pelle ma prossimamente testerò anche la classica per pelli sensibili.

E’ ipoallergenica, non contiene parabeni nè sapone nè alcool nè coloranti.
L’utilizzo è semplice, teoricamente non è necessario risciacquare il viso dopo l’uso ma io preferisco sempre non saltare questo step, è una mia fissa 😉

DSC_7710

L’apertura è costituita semplicemente da un foro fortunatamente non troppo largo, così da permettere la fuoriuscita del prodotto senza sprecarne.

Già da tempo ho abbandonato il cotone per la fase struccaggio e mi avvalgo invece del pannetto in microfibra: basta versare qualche goccia di soluzione micellare sul pannetto (nel mio caso verde, che ve lo dico a fare XD) e andare a rimuovere tutto il trucco. Anche i prodotti a lunga tenuta vengono spazzati via senza pietà, per il waterproof bisogna insistere un po’ di più – oppure utilizzare anche un bifasico.

Questa soluzione micellare è disponibile in tre formati diversi, io ho preferito prendere quello più piccino da 100 ml (circa 4€) giusto per provare.
L’inci non è bio ma se come me non siete troppo fissate non sarà un problema:

DSC_7709

Avete mai provato una micellare Bioderma? quale versione e come vi siete trovate?