Psp #89: August

Nuovamente in ritardo, ma non posso dire di non essere soddisfatta da questo ricchissimo psp!

1 . TIGI Bed Head – Urban anti-dotes shampoo: era in giro aperto da una vita, l’ho fatto finire con la forza al mio fidanzato perchè io proprio non riesco a usarlo. Lava bene ma mi irrita tantissimo la testa (vi ricordo che soffro di dermatite).

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

2 . PS… Sun Protect – Clear spray 30 spf: review qui.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

3 . Bottega Verde – Lavamani Spiaggia Tropicale: non avevo mai provato i lavamani BV ma devo dire che mi è piaciuto. Non solo la profumazione è fantastica (peccato sia un’edizione limitata) ma anche la consistenza e la resa sulla pelle mi hanno soddisfatta.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

4 . Dermaflora – Natural micellar water: acqua micellare con olio di argan, miele e aloe, senza SLES, parabeni, petrolati, allergeni nè alcol. L’ho comprata al Cosmoprof senza grandi aspettative, invece mi ha entusiasmata! Strucca benissimo e non è troppo unta. L’anno prossimo spero di ritrovarla.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

5 . Bionike – Defence Sun 50+: faceva parte di un trio di creme con fattore di protezione 50, tutte in minisize. Funziona bene, non mi sono scottata, ma la trovo un po’ pesante, di consistenza spessa… non proprio la ia preferita ecco.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

6 . Lancaster – Sun Beauty spf 30: una mini-mini size di crema solare! Ero curiosissima di provare i solari Lancaster, sono un po’ uno dei grandi nomi del settore… non mi ha deluso: profumo buonissimo, texture piacevole, efficacia comprovata. Se la trovassi in offerta la riprenderei subito.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

7 . Yves Rocher – bagnodoccia Monoi de Tahiti: avevo grandi aspettative, tutti che decantano il profumo paradisiaco del monoi… e invece no. Non mi è piaciuto per nulla, ha una fragranza dolciastra che non mi ha per nulla conquistata. Come bagnoschiuma lo definirei nella media.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

8 . Alma K – Purifying mud mask: maschera a base di fango del mar Morto, cera d’api, olio di semi d’uva e di avocado, nonchè contenente vari estratti vegetali tra cui cetriolo, ginseng e pompelmo. L’ho trovata interessante, la pelle dopo l’uso risultava morbida e nutrita.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

9 . PS… Sun Protect – Sun cream Kids 50 spf: review qui.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

10 . Balea – deodorante Caribbean Love: l’avevo preso per caso, attirata dalla profumazione al cocco che avevo sentito grazie al tester del deo spray 😀 Io ADORO il cocco! Questo deodorante è in confezione roll-on, che a me piace molto devo dire, la profumazione come vi dicevo è ottima e la durata è nella media. Ricomprerò sicuramente sia questo che altre referenze!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

11 . Matas – Granataeble Showerfoam: si tratta di una schiuma da bagno al melograno che avevo comprato in Danimarca. E’ una minisize che non è durata molto, dopo poco utilizzi è finita! A parte ciò, non era male anche se non raggiunge la qualità della mia adorata schiuma Balea.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

12 . Yver Rocher – Bagnodoccia mandorla e fiori d’arancio: un buon bagnodoccia ma il profumo non mi ha convinto… decisamente l’arancia non mi piace nei bagnoschiuma, troppo amari!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

 

Maternatura – Cowash ai fiori di papavero

La mia storia con il Cowash ai fiori di papavero è iniziata al Sana di Bologna, lo scorso settembre. Non avevo mai provato nulla di Maternatura (ora invece sto usando anche una loro crema mani) e mi è sembrata un’occasione perfetta per iniziare la conoscenza.

Ma facciamo un passo indietro… cos’è il cowash? Si tratta di una tecnica di lavaggio dei capelli che non implica l’utilizzo di shampoo, infatti prevede l’unione di un balsamo nutriente con una parte esfoliante (nella versione home made viene solitamente utilizzato lo zucchero).

Dato che sono pigra, non ho mai provato a fare il cowash a casa (al contrario della mia amica Elisa che invece mi risulta lo faccia spesso e volentieri con grande soddisfazione), pur attirandomi molto l’idea. Infatti, lavando i capelli un giorno si e uno no, pensare di poter usare un prodotto meno aggressivo dello shampoo mi è sempre apparsa una buona idea.

E perciò torniamo ora al presente: capite bene come trovarmi davanti un cowash già pronto sia stata una benedizione! Inoltre, ho anche approfittato dello sconto fiera, unendo l’utile al dilettevole.

Sono ormai giunta quasi alla fine della mia confezione di cowash e posso quindi presentarvi le mie opinioni con cognizione di causa.

Questo cowash di Maternatura contiene tensioattivi delicati derivati dall’olio di cocco e dai semi di moringa, che eliminano lo sporco da cute e capelli senza però eliminare la protezione naturale di cui sono forniti. Dal momento che si tratta in sostanza di un balsamo, gli olii di sesamo e cocco svolgono un’azione condizionante e ammorbidente che riduce anche l’effetto crespo.

Altri ingredienti naturali sono le proteine della soia, il pantenolo e gli estratti vegetali di calendula, camomilla e tiarè che proteggono, idratano e donano lucentezza ai capelli.

La confezione è semplice, di plastica bianca con motivi e scritte rosse. Il tappo è a scatto ma è solido e permette l’erogazione del giusto quantitativo di prodotto. Il prodotto si presenta giallino, di consistenza cremosa/semiliquida e ha un profumo di “crema corpo” (non saprei come altro definirlo!). Una volta applicato in generose quantità e massaggiato, si sciacqua via facilmente.

La mia esperienza è positiva: trovo che il momento dello shampoo diventi quasi una coccola, è veramente un piacere utilizzare questo cowash. Pulisce bene i capelli e non mi crea problemi con la dermatite – in ogni caso, lo uso non più di una volta a settimana.

Qui sotto potete vedere l’inci:

La confezione è da 200 ml e riporta un pao di 12 mesi. Il prezzo è di 13.20 Euro, sicuramente un po’ caro, per cui suggerisco di approfittare di qualche promozione se possibile.

Avete mai fatto il cowash? Conoscete i prodotti di Maternatura?

Psp #82: January

1 . I Provenzali – olio di semi di lino: c’è stato un tempo in cui questo olio era il non plus ultra del settore ecobio, e volete che io non l’abbia comprato? Poi ho scoperto che sui miei capelli non faceva un gran effetto, ed è rimasto inutilizzato per molto tempo. Sono finalmente riuscita a finirlo come olio togli-ceretta sulle gambe.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

2 . Elgon Green – Imagea essential shampoo hairtype 1: gel shampoo con estratto di riso viola del Laos, specifico per capelli naturali, fini e grassi. Mi è piaicuto, lava bene e non mi ha creato particolari fastidi alla dermatite.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

3 . Rituals – Sensational foaming shower gel Ritual of Sakura: faceva parte di un set comprato da Sephora, contiene latte di riso e fiori di ciliegio.  E’ un bagnoschiuma in mousse che però è un po’ strano… nel senso che dall’erogatore esce semi-liquido e poi si gonfia. Non mi ha convinta, il Balea è molto più performante! Il profumo però è buono.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Balea – Hydrogel gesichts maske: maschera in hydrogel con pizzo all’interno. Contiene estratto di alghe e acido ialuronico. E’ divisa in due parti, fronte-naso e poi guance-mento, aderisce bene al viso. La sensazione è rinfrescante ma dopo l’uso non ho notato grandi cambiamenti.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

5 . Testanera Palette – shampoo secco: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

6 . Alfaparf – maschera ristrutturante: contiene olio di semi di lino e Urban Defence Pro, un attivo in grado di proteggere la fibra del capello dagli agenti inquinanti. Buon profumo, lascia i capelli morbidi.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

7 . Balea – Feuchtigkeits maske: maschera viso in crema, con acqua termale ed estratto di alghe marine. L’ho trovata discretamente idratante e anche rinfrescante. Le maschere in crema di Balea hanno su di me più o meno tutte lo stesso effetto, quello che di solito le rende spettacolari è il profumo, che però in questo caso era quasi impercettibile.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

8 . Lush – Gelatina da doccia Santa’s Belly: mi piacciono sempre tanto le gelatine da doccia, e questa non fa eccezione, Faceva parte della collezione natalizia, era rossa e speziata.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

9 . Mac – Mineralize skinfinish light plus: cipria minerale leggermente colorata, l’avevo acquisita in una “adozione cosmetica”. Uniforma il colorito e fissa il trucco, ma non opacizza quanto mi sarei aspettata.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

10 . Revolution – mascara: questo mascara arriva dal Cosmoprof 2017. Mi è piaciuto, bello fluido e molto nero, districa bene e dà un effetto naturale.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

11 . Sensurè – salviettine struccanti viso & occhi 3 in 1: anche queste mi sa che arrivano dal Cosmoprof. Hanno ben tre azioni poichè struccano, detergono e rivitalizzano. Le ho trovate efficaci e delicate. Sono comode in viaggio perchè è una confezione mini da 10 pezzi.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

12 . Cien Nature – crema mani Calendula: gentile omaggio del Sana 2018. Non avevo provato nulla della linea bio di Cien (da Lidl). Contiene olio di semi di girasole, olio di oliva, burro di karitè ed estratto di camomilla. L’ho trovata un po’ pesante e scivolosa, ma nutriente.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

13 . Rizes Crete – Hair conditioner: balsamo greco con estratto di oliva e proteine del grano, senza parabeni. L’ho comprata al Cosmoprof 2018 per testare qualche prodotto del marchio. Mi duole ammetterlo, ma non mi ha esaltato perchè non l’ho trovato abbastanza nutriente.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

Psp #77: August

1 . DM – Sun dance sensitive sonnenbalsam 30 spf: crema solare fattore di protezione 30, specifica per pelli sensibili. L’avevo iniziata lo scorso agosto quindi l’ho finita negli ultimi 2 mesi per prendere il sole sul balcone. Si spalma bene ma è molto bianca e purtroppo mi ha macchiato un paio di costumi. Non mi sono però scottata. Tuttavia, le creme che lasciano macchie non possono trovare la mia approvazione.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

2 . Olivella – Face&body soap: sapone liquido che ho portato a casa dal Cosmoprof. Contiene ingredienti naturali e olio d’oliva, è senza parabeni ed è dermatologicamente testato. Al mio fidanzato è piaciuto da impazzire (mi implora di comprargliene un altro), io invece l’ho trovato un po’ troppo sgrassante, la mia pelle tirava un po’ dopo l’uso.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: si

3 . Garnier Fructis – shampo secco Cucumber fresh: ennesimo shampo secco della mia collezione, questo contiene agenti purificanti ed estratto di cetriolo. Pulisce bene i capelli ma per me ha un grosso limite: l’odore. Se lo annusate “da chiuso” è fresco e leggero, ma quando lo spruzzate è talmente forte che attacca in gola.. arieggiate bene i locali! Per me è no.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Biomed – Body firmer: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

5 . Tony Moly – Maschera I’m Real al riso: queste maschere non finiscono mai. Continuo a ripetere la stessa cosa, sono belle fresche, troppo imbevute e non hanno alcun particolare effetto. Questa prometteva di ripulire la pelle. Mah!

La consiglio: no
La ricomprerò: no

6 . Rituals – Shampoo Ritual of Sakura: avevo comprato da Sephora una box con dei prodotti in travel size di Rituals, per provare qualcosa del marchio. Questo shampoo nutriente contiene estratto di riso e fiori di ciliegio. Ha un inci pessimo, ma non mi ha creato fastidi con la dermatite, inoltre il profumo è fantastico!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

7 . Bath&Body Works – Shampoo white citrus: faceva parte del kit cortesia dell’albergo in cui avevo alloggiato a New York. E’ troppo piccolo per poter fare una recensione, però aveva un buon profumo e lavava bene.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

8  e 9 . Himalaya Herbals – dentifrici Complete Care e Sensi-Relief: due minitaglie che arrivano dal Cosmoprof. Quello rosa è specifico per denti sensibili e non mi ha creato fastidi, ma nemmeno l’altro in realtà. Hanno uno strano colore bianco-grigiastro ma puliscono bene e sono 100% vegetariani e senza parabeni. Potrei valutare l’acquisto della fullsize ma dipenda dal prezzo.

Li consiglio: si
Li ricomprerò: si

10 . Marc Jacobs – mascara mega lash volumizing: minisize thanks to Sephora. Separa bene le ciglia ma non ho visto alcun effetto volumizzante ad essere sincera.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

11 . Davines – maschera capelli The Wake-Up Circle: l’ho portata a Cuba per riparare i capelli che sarebbero stati stressati da mare e sole. Fa bene il suo lavoro, ha un buon profumo e contiene argilla viola ed estratto di rodiola. Devo informarmi sui costi della full size, è davvero un buon prodotto.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

12 . Bottega Verde – SOL spray protettivo capelli: altro residuo dell’anno scorso (ma non ha spf quindi siamo più clementi). E’ uno spray per proteggere i capelli dalle agressioni di sole, mare e vento. Contiene proteine del grano e betacarotene. Sono sempre scettica su questi protettivi, però è una coccola a cui non rinuncio.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

13 . Balea – Weisser Tee & Kirsche Maske: maschera alla ciliegia. Ha un buonissimo profumo e si assorbe mentre è in posa. Io comunque la risciacquo dal viso, che dopo l’uso appare morbido e nutrito. La mezza bustina permette 2-3 applicazioni.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

14 . Balea – Augen und lippenmaske: maschera per contorno occhi e bocca, che uso solo per gli occhi. é densa ma si assorbe, lasciando l’area di applicazione nutrita. E’ un buon prodotto ma la bustina è divisa in 4 mono-dosi, ciascuna delle quali però permette un numero incalcolabile di applicazione perchè basta veramente poco prodotto! Insomma trovo il formato poco pratico.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

15 . Eksperience – maschera idratante nutriente: contiene Aquamaris Complex, costituito dalle alghe chondrus&fucus insieme ad oligoelementi. Ha un odore strano e ungente, e non mi ha soddisfatta in quanto a nutrimento dei capelli. Anche questa arriva dal Cosmoprof.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

Psp #71: February

1 . Derma Pure Clinic – Whitening booster mask: maschera koreana in tessuto che mi hanno letteralmente tirato dietro al Cosmoprof, contiene estratti di limone, arancia, riso e olio di semi di jojoba. Mi lasciano sempre stranita queste maschere “sbiancanti” perchè se è vero che nei paesi orientali hanno il culto della pelle diafana, da noi non è proprio così! L’ho trovata molto imbevuta e discretamente idratante.


La consiglio: si
La ricomprerò: no

2 . Sephora – Almoon foot mask: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

3 . Sunsilk – Crema ultra light senza risciacquo: maxi campioncino  che avevo in giro da tempo immemore. Un trattamento leave-in per rendere i capelli  più modellabili e fluenti.. siccome non amo i prodotti leave-in perchè mi appesantiscono troppo i capelli, l’ho usata come maschera lasciandola in posa e poi sciacquandola. Niente di eccezionale comunque, con un pessimo inci tra l’altro.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

4 . Cien – Refreshing facial wipes: salviettine struccanti per peli normali e miste con olio di mandorle, vitamina E ed allantoina, adatte anche a trucco waterproof. Le tenevo nella borsa della palestra per struccarmi prima della doccia: hanno sempre tolto qualsiasi trucco, longlasting o waterproof compresi. Ottime!

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

5 . ELF –  Liquid eyeliner argento: lo butto perchè si è seccato, ma non mi è mai piaciuto. Innanzitutto ha un pennellino per l’applicazione che non permette una stesura omogenea del prodotto, poi anche la consistenza non ha mai aiutato, troppo liquido!

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

6 . Wycon – eyeshadow base: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

7 . Sephora – Mascara outrageous curl: minitaglia di un mascara che promette volume e curvatura. Non mi è piaciuto perchè lo scovolino coi dentini non riusciva a separare bene le ciglia e le caricava con decisamente troppo prodotto, appesantendole!

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

8 . Elgon Imagea –  Absolute shampoo hairtype 2: shampoo per capeli secchi, colorati e danneggiati. Contiene proteine di quinoa ed estratto di melograno, mentre è formulato senza sls/sles, parabeni, siliconi, petrolatum, peg nè cessori di formaleide. Non mi è dispiaciuto perchè non mi ha irritato il cuoio capelluto ma non mi ha neanche conquistata.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

9 . Lush – Gelatina da doccia Nightwing: gelatina da doccia di Halloween, a forma di pipistrello. Contiene succo di lime e aloe e il profumo ricordava tanto la coca cola 😀

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

10 . Mades – Temptation Pure hand&nail cream: crema mani che avevo comprato in Danimarca credo. Contiene estratto di liquirizia, olio di uva e burro di karitè. Mi ha accompagnata dall’inizio del’inverno e mi è piaciuta molto.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

11 . Bottega Verde – Burro corpo alle mandorle dolci: dal momento che ho scoperto tardi che i burri corpo sono decisamente troppo pesanti per la mia pelle, ho finito questo di BV come crema mani, complice il barattolino comodo da tenere in ufficio. Nonostante fosse un burro, non ungeva troppo la pelle e si assorbiva in fretta.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

12 . La corte dei sogni – detergente intimo alla calendula: un buon detergente, delicato, dalla consistenza “gellosa”. Trovato in offerta a credo 1€ da Caddy’s, se ricapita l’offerta lo riprenderò.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

13 . Viviverde Coop – shampoo delicato: contiene estratto i semi di lino e aloe, ed è davvero delicato sulla cute. Per renderlo ancora più delicato, lo diluisco nello spargishampoo. Lava bene e non contiene troppe schifezze, per me è promosso.

Calendario dell’Avvento Yves Rocher – 18-21 dicembre

Penultima puntata dello spacchettamento del mio calendario dell’avvento Yves Rocher! Le ultime tre caselline invece le vedrete, per motivi logistici, appena dopo Natale 😉

18 DICEMBRE

Sono contentissima di questa casellina: una minisize di bagnodoccia Mandorla & Fiori d’arancio. Più del 98% degli ingredienti di questo prodotto è di origine naturale, non contiene alcool etilico nè parabeni. Il flacone è anch’esso “bio” perchè è fatto di plastica riciclata!

19 DICEMBRE

GLITTER!! oggi ho trovato uno smalto oro super glitterato che non vedo l’ora di usare, non solo nelle feste ovviamente! E’ stata una sorpresa particolarmente gradita perchè ho recentemente cestinato i miei smalti glitter preferiti che si erano seccati…

20 DICEMBRE

La casellina del 20 mi porta la mini size dello Shampoo Trattamento Nutriente, adatto ai capelli secchi. Anche questo prodotto non contiene siliconi, parabeni nè coloranti. All’interno c’è invece l’avena con le sue proprietà nutrienti e setificanti.

21 DICEMBRE

Non vedo l’ora di provare il Bagnodoccia alla Vaniglia Bourbon (adoro la vanigliaaaa)! Il 97% degli ingredienti è di origine naturale e non contiene alcool etilico nè parabeni.

* * *

Conoscete Yves Rocher? avete già provato qualcuno di questi prodotti? 🙂

 

Calendario dell’Avvento Yves Rocher – 14-17 dicembre

Altro giro, altra corsa! Continuiamo a spacchettare… voi avete un Calendario dell’avvento?

14 DICEMBRE

Gli struccanti in versione da viaggio fanno sempre comodo quando si sta fuori poche notti! Non vedo l’ora di testare questo Struccante rapido occhi: è bifasico e promette di rimuovere anche il trucco waterproof.

15 DICEMBRE

Questa casellina mi ha regalato un prodotto interessante, lo Shampoo Brillantezza Intensa con olio di calendula e senza parabeni, siliconi o coloranti. Per me che ho la dermatite è comodo poter provare un prodotto nuovo senza temere di doverlo abbandonare in full size dopo aver scoperto che non è compatibile con la mia cute!

16 DICEMBRE

Altro giro altro smalto! Questa volta è capitato un bordeaux scuro, un altro classicone che non deve mancare nella collezione di ognuna di noi.

17 DICEMBRE

Gaudio e giubilo! Una minisize di Gommage Vegetale che grazie alla polvere di noccioli di albicocca esfolia delicatamente (ma efficacemente) la pelle.

* * *

Conoscete qualcuno di questi prodotti di Yves Rocher? 🙂

Shampoo Oliprox (cura dermatite)

PREMESSA: non sono un dottore e non dispenso consigli medici; sto solamente condividendo la mia esperienza e fornendo un recensione che potrebbe aiutare chi è affetto dal mio stesso problema, la dermatite seborroica

Oggi vi parlo dello shampoo che ormai uso da quasi un anno: si chiama Oliprox e mi è stato consigliato dal mio dermatologo dopo avermi diagnosticato la dermatite seborroica. Si tratta di un parafarmaco che non richiede ricetta medica ma chiedete consiglio al vostro dermatologo se avete intenzione di iniziare a usarlo.

Innanzitutto, cos’è la dermatite seborroica? E’ una condizione di irritazione della pelle che porta alla formazione di lesioni cutanee squamose e piccole croste, più una serie di sintomi che variano da persona a persona. Spesso è presente il prurito, a volte la perdita dei capelli. La causa non è chiara e la comparsa dei disturbi può essere dovuta a molti fattori.

Nel mio caso, in certi periodi mi iniziano a prudere alcune zone del cuoio capelluto, in corrispondenza delle quali la pelle si arrossa molto. Dopo anni ad ignorare più o meno deliberatamente il problema e ad usare saltuariamente alcuni shampoo curativi (ne avevo parlato qui) ho finalmente deciso di andare da uno specialista che mi ha confermato trattarsi di dermatite seborroica. Mi ha prescritto degli integratori (che non hanno portato grandi risultati) insieme all’uso di uno shampoo specifico, l’Oliprox appunto di cui vi parlo oggi.

Oliprox è stato studiato per offrire un trattamento esfoliante, detergente e lenitivo della cute infiammata. Contiene olamina piroctone e climbazolo, dalla comprovata azione antifungina e antimicrobica, e acido glicolico. L’aggiunta di glicerina, pantenolo ed allantoina aiuta ad ammorbidire la pelle e limitare la formazione delle desquamazioni.

L’uso è semplice ed intuitivo: si massaggia come un normale shampoo sui capelli già umidi, poi però si lascia in posa 5-10 minuti per permettere alla cute di assorbire i principi attivi contenuti nella formulazione del prodotto. Successivamente si sciacqua e poi si può procedere con il balsamo come di consueto.

La mia esperienza: ho finito il primo flacone e ho ricomprato subito il secondo perchè l’uso continuativo del tempo mi ha dato effettivamente dei risultati. Ho notato che l’utilizzo regolare mi faceva diminuire gli episodi più intensi di infiammazione, e teniamo conto che non l’ho mai tenuto in posa più di 4-5 minuti (lo ammetto, mi scoccio ad aspettare così tanto!). Per quanto riguarda il profumo, non ha un odore particolare e non lascia alcun profumo sui capelli. La consistenza è simile a gel, tendente al liquido.

Aspetti negativi?: ho notato che tende a seccare i capelli e infatti da quando l’ho iniziato ad utilizzare uso più balsamo rispetto a prima. Per arginare questo problema, ogni 2 utilizzi lo alterno ad un altro shampoo “delicato”. Uso le virgolette perchè più che della eventuale definizione impressa sui flaconi mi fido della mia esperienza: ho scoperto che lo shampoo delicato ViviVerde Coop non mi irrita la pelle, così come uno shampoo solido Lush (Honey I washed my hair). Un altro aspetto poco simpatico, se così vogliamo chiamarlo, è il prezzo –  ma siccome è un parafarmaco ce lo facciamo andare bene così.

Ho lasciato l’inci per chi fosse interessato agli ingredienti; tuttavia personalmente ritengo che un prodotto simile, classificato come parafarmaco e comunque curativo, possa ragionevolmente contenere ingredienti meno naturali purchè efficaci.

Reperibilità e costi: è disponibile in farmacia e parafarmacia, attualmente nella versione da 300 ml (prima era 200). Il prezzo è variabile ma si aggira intorno ai 20 euro.

La dermatite seborroica è un problema abbastanza comune, voi ne siete affetti? avete mai avuto episodi simili e come li avete trattati?