Eco Laboratorie – Acqua micellare

A quanto pare non ce la faccio a mantenere un ritmo di pubblicazione regolare, sigh. Quanto sarebbe bello avere le giornate da 72 ore! E invece..

Ma bando alle ciance, oggi vi faccio scoprire un prodotto che difficilmente avrete già visto in giro

Si tratta dell’acqua micellare di Eco Laboratorie, un brand che ho conosciuto due anni fa al Cosmoprof e che ogni anno mi dà grandi soddisfazioni: infatti allo stand di questa azienda russa trovo skincare, prodotti per la cura del corpo e dei capelli a base quasi esclusivamente naturale, senza parabeni nè siliconi, a prezzi assolutamente competitivi. Hanno anche una linea specifica per uomo e fanno 3 prodotti a 10 euro, come non approfittarne?

Tra i miei acquisti l’anno scorso c’era questa acqua micellare con estratto di giglio, che nutre la pelle e ne previene la secchezza e l’esfoliazione, oltre ad attivare la produzione di collagene ed elastina. Inoltre contiene il Bio-toning complex, a base di bearberry dalle proprietà antiossidanti e ringiovanenti, che aiuta a uniformare la grana della pelle.

La confezione è di plastica marrone trasparente, con scritte oro e bianche e tappo a vite.

L’acqua micellare è molto liquida e ‘scivolosa’, come tutti i prodotti di questo genere. Ha un profumo strano, non gradevolissimo perchè ricorda un misto tra alcool e crema corpo (detta così non suona benissimo, lo ammetto!).

Strucca davvero bene ed è effettivamente delicata: io la uso con il pannetto in microfibra e riesco a togliere gran parte dei cosmetici che uso, anche longlasting o waterproof.

Qui sopra potete vedere l’inci, in caso foste interessati.

E’ disponibile in questa versione da 200 ml ma in fiera avevano anche dei campioni da 100 ml che regalavano come omaggio con alcuni acquisti. Ha un pao di 12 mesi ma sulla confezione è anche impressa la data di scadenza.

Sul sito online ufficiale è in vendita a 179 rubli, circa 2.40 euro. Per le spedizioni in Italia è invece disponibile su Bioemporionatura (qui) a 5.90 euro.

Avete mai provato i prodotti di questo marchio russo, ECO Laboratorie? 🙂

Dr. Hauschka – Latte detergente

Con incredibile ritardo pubblico questa recensione del latte detergente Dr. Hauschka, che mi era stato regalato al Cosmoprof. Ammetto che il latte detergente non è una tipologia di prodotto che amo usare, alla quale mi sono però approcciata agli inizi della mia “vita cosmetica” poichè mia mamma ne ha sempre fatto uso.

Questo latte detergente è pensato per le pelli sensibili ed è detergente, tonificante e idratante, grazie agli estratti di antillide, olio di jojoba, olio di mandorla e di albicocca.

Il packaging è elegante, la boccetta in vetro trasparente è chiusa da una pompetta di metallo cromato con sistema di bloccaggio. Il prodotto all’interno è chiaramente visibile dall’esterno, caratteristica che apprezzo molto. La texture è cremosa, non troppo densa ma abbastanza compatta. Il profumo è agrumato e dolce, molto buono davvero.

Di norma utilizzo questo latte detergente con un dischetto di cotone, per struccare solo gli occhi: infatti è molto delicato e non brucia nemmeno se ne entra un pochino dentro, nonostante questo è davvero molto efficace e toglie davvero di tutto! Non ci strucco tutto il viso perchè non mi piace usare texture grasse sulla pelle, e questo latte detergente, come tutti i latti detergenti, un po’ lo è.

Dopo l’utilizzo passo comunque l’acqua micellare e poi sciacquo il viso, ma è una mia preferenza personale; è possibile anche non risciacquarlo e beneficiare degli olii contenuti per nutrire la pelle.

Qui sopra potete vedere l’inci, in caso foste interessati.

Questo latte detergente è certificato secondo gli standard NATRUE, è privo di profumazioni, coloranti, conservanti sintetici, oli minerali, siliconi e PEG. Le materie prime sono ottenute, laddove possibile, da coltivazione bio-dinamica, da agricoltura biologica e in condizioni eque.

Si trova in vendita principalmente nel formato full size da 145 m a circa 20-25 euro. Io ho il formato mini da 30 ml che si può spesso trovare nei kit multi-prodotto.

Non c’è stampato il PAO perchè è indicata la data di scadenza vera e propria, che ovviamente cambia a seconda del lotto di produzione.

Avete mai provato il latte detergente Dr. Hauschka o altri prodotti del brand? 🙂

Psp #79: October

1 . Human+kind – conditioner grapefruit: balsamo per tutti i tipi di capello, nutriente e naturale al 99.6%. Arriva dal Cosmoprof dell’anno scorso e purtroppo devo dire che non mi ha esaltato perchè per i miei capelli non era poi così nutriente.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

2 . Dr Jart+ – crema viso water drop: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

3 . Tesori d’Oriente – doccia crema aromatica Japanese rituals: non male come bagnoschiuma ma il profumo l’ho trovato un po’ troppo forte per i miei gusti.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Ps… Deep cleansing facial wipes: review e inci qui.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

5 . Ps… After sun spray: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

6 . Langhaar Madchen – Trocken shampoo: shampoo secco comprato al DM, ammetto che non conoscevo la marca.  Non l’ho trovato molto performante, al momento sembra pulisca bene ma poi nel corso della giornata l’effetto andava pian piano svanendo.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

7 . Steam Cream: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

8 . Maybelline – color tattoo 24h n.65 pink gold: review qui. Uno dei migliori ombretti mai provati!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

9 . Essence – Super last eyeliner: decisamente un buon eyeliner, durata fantastica, tratto nero lucido. L’unica pecca era il tempo di asciugatura, forse un po’ lento… se non stavo attenta rischiavo di stampare la riga sulla palpebra superiore!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

10 . Peter Thomas Roth – pumpkin enzyme mask: ultima del set di tre minisize, maschera ad effetto esfoliante e bioriparatore con enzimi di zucca. Lascia la pelle morbida ma un pochino arrossata, probabilmente contiene qualcosa che mi irrita leggermente.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

11. Bottega Verde – bagnodoccia limone e agrumi: un buon bagnodoccia, non secca la pelle, forse la profumazione è un pochino chimica.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

12 . Bottega Verde – latte corpo dalia imperiale: latte corpo molto fluido, dal profumo intenso e speziato. Non idrata tantissimo quindi non mi ha particolarmente colpita.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

13 . Bottega Verde – crema corpo idratante Cremafiori: con magnolia e olio diargan, specifica per pelli secche: una crema che “sa di crema”, sono quei profumi classici che ci riportano alla nostra infanzia 😉 Non è male, non è pesante e si asciuga in fretta.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

14 . DM – Dontodent: dentifricio per denti sensibili, acquistabile al DM. Mi era piaciuto il nome ahahah! Comunque è davvero adatto per i denti sensibili e credo proprio che lo ricomprerò anche perchè costa pochissimo.

 

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

Ps… Highlighting butter by Primark: la mia recensione

Eccoci con una nuova recensione post-estate di un prodotto che ho molto utilizzato: si tratta dell’illuminante in crema di Ps… (Primark) che sulla confezione viene denominato “Bronze Dewy Glow Highlighting Face&Body Butter”.

Tutte queste parolone insieme stanno a significare che è per l’appunto un illuminante in crema, quasi burroso, specifico per viso e corpo, con un effetto luminoso. La parola ‘dewy’ è difficile da rendere in italiano poiché significa ‘rugiada’ e in ambito cosmetico si usa per indicare un effetto lievemente bagnato e luminoso.

Già al pressday (ne parlavo QUI) mi ero innamorata di questo illuminante, non solo dopo averlo swatchato ma già appena preso in mano: infatti ha un profumo di cocco davvero irresistibile! Starei ore ed ore ad annusarlo senza ritegno alcuno ahahah

In cialda il colore sembra essere un rame metallizzato con riflessi argentei: una volta applicato e sfumato, rilascia un colore ‘abbronzatura’ lievemente accennato ma quello che più si nota è il riflesso perlato e luminosissimo.

Mi ricorda un po’ l’illuminante cremoso contenuto nella palette Solstice di Sleek (QUI la mia recensione), anche se il colore non è esattamente lo stesso. Tuttavia, potrebbe esserne un buon sostituto una volta che la cialdina della Sleek si esaurisce (come sta per succedere a me) 😉

Per l’applicazione consiglio senza alcun dubbio le dita: la texture burrosa sembra fatta apposta, ma se proprio non volete rinunciare ai pennelli direi che un duofibre è quello che fa per voi.

La coprenza è assolutamente modulabile, e per un effetto leggero dovrete prelevare davvero poco prodotto!

Parliamo di durata: mettendolo al mattino sugli zigomi, tende a resistere più o meno tutta la giornata. C’è da dire che non si asciuga mai del tutto (ma non si muove comunque), quindi attenzione a sfregarsi la faccia!

La confezione contiene 12,5 grammi di prodotto e il pao è di 24 mesi.

Il prezzo è di 3,50 euro. Come sempre, i prodotti Ps… Primark sono davvero economici ma non per questo non si possono trovare delle chicche interessanti e valide!

Avete mai provato questo Highlighting butter? Usate gli illuminanti? 🙂

Psp #77: August

1 . DM – Sun dance sensitive sonnenbalsam 30 spf: crema solare fattore di protezione 30, specifica per pelli sensibili. L’avevo iniziata lo scorso agosto quindi l’ho finita negli ultimi 2 mesi per prendere il sole sul balcone. Si spalma bene ma è molto bianca e purtroppo mi ha macchiato un paio di costumi. Non mi sono però scottata. Tuttavia, le creme che lasciano macchie non possono trovare la mia approvazione.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

2 . Olivella – Face&body soap: sapone liquido che ho portato a casa dal Cosmoprof. Contiene ingredienti naturali e olio d’oliva, è senza parabeni ed è dermatologicamente testato. Al mio fidanzato è piaciuto da impazzire (mi implora di comprargliene un altro), io invece l’ho trovato un po’ troppo sgrassante, la mia pelle tirava un po’ dopo l’uso.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: si

3 . Garnier Fructis – shampo secco Cucumber fresh: ennesimo shampo secco della mia collezione, questo contiene agenti purificanti ed estratto di cetriolo. Pulisce bene i capelli ma per me ha un grosso limite: l’odore. Se lo annusate “da chiuso” è fresco e leggero, ma quando lo spruzzate è talmente forte che attacca in gola.. arieggiate bene i locali! Per me è no.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Biomed – Body firmer: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

5 . Tony Moly – Maschera I’m Real al riso: queste maschere non finiscono mai. Continuo a ripetere la stessa cosa, sono belle fresche, troppo imbevute e non hanno alcun particolare effetto. Questa prometteva di ripulire la pelle. Mah!

La consiglio: no
La ricomprerò: no

6 . Rituals – Shampoo Ritual of Sakura: avevo comprato da Sephora una box con dei prodotti in travel size di Rituals, per provare qualcosa del marchio. Questo shampoo nutriente contiene estratto di riso e fiori di ciliegio. Ha un inci pessimo, ma non mi ha creato fastidi con la dermatite, inoltre il profumo è fantastico!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

7 . Bath&Body Works – Shampoo white citrus: faceva parte del kit cortesia dell’albergo in cui avevo alloggiato a New York. E’ troppo piccolo per poter fare una recensione, però aveva un buon profumo e lavava bene.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

8  e 9 . Himalaya Herbals – dentifrici Complete Care e Sensi-Relief: due minitaglie che arrivano dal Cosmoprof. Quello rosa è specifico per denti sensibili e non mi ha creato fastidi, ma nemmeno l’altro in realtà. Hanno uno strano colore bianco-grigiastro ma puliscono bene e sono 100% vegetariani e senza parabeni. Potrei valutare l’acquisto della fullsize ma dipenda dal prezzo.

Li consiglio: si
Li ricomprerò: si

10 . Marc Jacobs – mascara mega lash volumizing: minisize thanks to Sephora. Separa bene le ciglia ma non ho visto alcun effetto volumizzante ad essere sincera.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

11 . Davines – maschera capelli The Wake-Up Circle: l’ho portata a Cuba per riparare i capelli che sarebbero stati stressati da mare e sole. Fa bene il suo lavoro, ha un buon profumo e contiene argilla viola ed estratto di rodiola. Devo informarmi sui costi della full size, è davvero un buon prodotto.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

12 . Bottega Verde – SOL spray protettivo capelli: altro residuo dell’anno scorso (ma non ha spf quindi siamo più clementi). E’ uno spray per proteggere i capelli dalle agressioni di sole, mare e vento. Contiene proteine del grano e betacarotene. Sono sempre scettica su questi protettivi, però è una coccola a cui non rinuncio.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

13 . Balea – Weisser Tee & Kirsche Maske: maschera alla ciliegia. Ha un buonissimo profumo e si assorbe mentre è in posa. Io comunque la risciacquo dal viso, che dopo l’uso appare morbido e nutrito. La mezza bustina permette 2-3 applicazioni.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

14 . Balea – Augen und lippenmaske: maschera per contorno occhi e bocca, che uso solo per gli occhi. é densa ma si assorbe, lasciando l’area di applicazione nutrita. E’ un buon prodotto ma la bustina è divisa in 4 mono-dosi, ciascuna delle quali però permette un numero incalcolabile di applicazione perchè basta veramente poco prodotto! Insomma trovo il formato poco pratico.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

15 . Eksperience – maschera idratante nutriente: contiene Aquamaris Complex, costituito dalle alghe chondrus&fucus insieme ad oligoelementi. Ha un odore strano e ungente, e non mi ha soddisfatta in quanto a nutrimento dei capelli. Anche questa arriva dal Cosmoprof.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

La Cremerie – Super Struccante

Avevo ricevuto questo struccante al Cosmoprof 2017  e, lo ammetto, me ne ero dimenticata. Qualche tempo fa, avendo finito il bifasico che uso in combinazione con la micellare di turno, l’ho ripescato dal cassetto e dopo averlo utilizzato per qualche mese sono pronta a parlarvene.

Innanzitutto due parole sul brand: La Cremerie non è un marchio che capita di vedere in giro, dal momento che sembra vendano solo attraverso canali professionali e online (qui il loro shop ufficiale). Si caratterizza per prodotti deluxe, naturali in media al 98-99%. Con nostro grande dispiacere non sono stati presenti all’ultimo Cosmoprof, e il loro stand colorato e allegro ci è un po’ mancato.

Ma bando alle ciance, siamo qui per parlare di uno struccante, anzi del Super Struccante!

Come vedete, il packaging è piuttosto semplice: flaconcino in plastica trasparente, erogatore a pompetta chiuso da un sigillo di sicurezza e un’etichetta con le informazioni essenziali. Sulla scatolina di cartone esterna è invece riportato il grosso delle informazioni, inci compreso.

Il sistema di erogazione non è ad “aspirazione” con cannula che scende fin sul fondo del flacone ma è a pressione, poichè la paratia di fondo si innalza ad ogni pompettata, facendo salire il liquido contenuto.

Il liquido in questione è un olio, composto da olio di semi di girasole e da estratti vegetali (calendula, borragine, abete e papaya), insieme all’aggiunta di acido lattico. Il profumo è fruttato, molto dolce.

SI può utilizzare applicandolo direttamente sul viso e massaggiandolo per sciogliere il trucco, tuttavia io preferisco usarlo su di un dischetto di cotone che poi andrò a frizionare sugli occhi per togliere eyeliner e mascara perlopiù. Ovviamente essendo un olio va poi eliminato con una micellare o col sapone.

Mi sono trovata bene perchè strucca bene anche i prodotti waterproof. Il sistema di erogazione è intelligente anche se migliorerei la potenza del getto che è un po’ violento e non dosabile.

Qui sopra potete trovare l’inci, che è molto corto e molto chiaro (bravi!).

Info tecniche: sulla reperibilità vi ho già edotto sopra, vi dico anche che il flaconcino è da 50 ml e non c’è il pao ma una vera e propria scadenza (nel mio caso, marzo 2019). Il prezzo di listino è 40,99 euro, un po’ troppo alto secondo me, anche se c’è da dire che gli ingredienti sono ottimi.

Conoscevate già La Cremerie e i suoi prodotti naturali? Amate gli olii struccanti? 🙂

Kiko presenta la nuova collezione Jelly Jungle

null

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare dei superfrutti (o, più in generale, dei superfood): alimenti con specifiche caratteristiche organolettiche che procurano benefici all’organismo. Anche Kiko non si lascia sfuggire il trend e presenta la nuova limited edition “Jelly Jungle” estiva a base di superfrutti, caratterizzata da tonalità vivaci, finish brillanti e a lunga tenuta.

Le texture in gel di alcuni prodotti li rendono particolarmente adatti alle calde giornate estive e il packaging trasparente e colorato dona il tipico tocco estivo alla collezione. Ma vediamola più da vicino.

Partiamo dall’unico prodotto per le unghie: una base trasparente Nail lacquer in due versioni cromatiche, arricchito da estratti di bacche di goji (4,95€).  Molto interessante è anche la palette di ombretti Eyeshadow palette, disponibile in due diverse selezioni di tonalità, con ombretti adatti ad un uso asciutto e bagnato la cui formula contiene olio di avocado (12,95€).  Continuiamo con il Maxi Bronzer ad effetto mat o metallizzato, che contiene olio di bacche di goji (12,95€). Infine non può mancare un illuminante Highlighter, in versione liquida e due tonalità (dorata o rosata), anch’esso contenente olio di bacche di goji (8,95€).

Addentriamoci nel reparto occhi: Eye pencil è una matita automatica a lunga durata, disponibile in quattro colori (7,95€), mentre Eyebrow marker è un comodo pennarello a punta fine per definire le sopracciglia con effetto tattoo (5,95€). Non poteva mancare un Mascara colorato per ciglia e sopracciglia, in cinque tonalità metalliche (7,95€): quest’anno non so se vi siete accorte ma sono dovunque! Kiko propone anche un prodotto 2 in 1: Eyeliner e ombretto cremoso, in quattro varianti cromatiche ad effetto metal (8,95€).

Il reparto labbra è un po’ limitato ma un paio di elementi interessanti ci sono, ad esempio l’altro prodotto 2 in 1 della collezione, un matitone Lips & Cheeks dall’effetto luminoso e contenente estratto di papaya. Un prodotto tipicamente estivo è il Lipgloss, proposto con efetto 3D in quattro diverse nuances arricchite da estratto di melograno (8,95€). Simile nel concept è il Metallic liquid lipstick, anch’esso in 4 tonalità e con estratto di melograno (8,95€). Infine un gradito ritorno, il Double lip balm con doppio colore esterno e interno, spf 20 e aromatizzato alla sangria e piña colada (7,95€).

Ultimo giro di boa con gli accessori compresi in questa limited edition, che meritano un’occhiata anche loro. Personalmente sono molto attratta dal kit anti-fatica Cooling eye kit, con mascherina rinfrescante e dischetti monouso idratanti con estratti di cetriolo e ninfea (9,95€).  La collezione annovera anche due pennelli: il 4 in 1 eye brush per ombretti e eyeliner con testine staccabili e intercambiabili (12,95€) e il Power brush per le polveri viso (12,95€).

Un prodotto nuovo nella gamma Kiko è il Shimmery fragrance gel, un fresco profumo in gel dalle note di tiarè, neroli e muschio (12,95€). Un altro prodotto per il corpo è la Shake body lotion, una crema corpo bifasica idratante contenente con olio di avocado e di melograno (9,95€).

Un altro trend che Kiko interpreta con estro è quello degli accessori in silicone e allora ecco la Cleansing silicone sponge, una spugnetta in silicone con rilievi sulla superficie che esfoliano delicatamente la pelle (6,95€). Infine un altro kit, il Perfect eyes kit, composto da piegaciglia (indispensabile per me!), pinzetta e doppio pennello per ciglia e sopracciglia (9,95€).

Sicuramente passerò in negozio a vedere dal vivo la Jelly Jungle collection, ci sono un paio di pezzi che secondo me meritano! E voi da cosa vi lascerete tentare? 🙂

Di fiere, ban cosmetici e vita vissuta

Iniziamo questo lunedì con un post un po’ diverso, un post di vita vissuta che comunque sconfina nel beauty.

Ragionavo l’altro giorno sul fatto che mancano solo 7 giorni al Cosmoprof di Bologna, la fiera dell’estetica più attesa da tutte le appassionate italiane del mondo della bellezza (e dagli operatori del settore, ovviamente). Anche quest’anno ci andrò e ci resterò tutto il weekend, così da potermi godere per bene la fiera senza correre troppo – perchè comunque un po’ di corsa lo si è lo stesso, è talmente grande che non si fa in tempo a vedere tutto.

Anche quest’anno ci andrò con le mie compagne di scorribande dell’anno scorso, Jess, Francy, Fefy e Marty. Spero che la parte logistica si riveli meno difficoltosa dell’altra volta ma sono poco ottimista su questo particolare aspetto XD

Mi collego quindi al secondo argomento di questo post-sproloquio: da circa dicembre, quando ho prenotato tutto il necessario per andare a Bologna, mi sono messa volontariamente in ban cosmetico. Per chi non avesse familiarità col termine, si tratta di un divieto spesso autoimposto di fare qualcosa, nel mio caso di comprare cosmetici: infatti si torna a casa dal Cosmoprof con tonnellate di prodotti nuovi, perciò mi è sembrato ragionevole prepararmi in anticipo e razionalizzare gli acquisti così da non trovarmi con un eccessivo surplus di prodotti (….come se già non ci fosse! ma questa è un’altra storia).

Sono stata molto brava questa volta, non ho mai sgarrato se non per una maschera occhi in limited edition e degli acquistini-ini-ini per le mie donne del Cosmoprof 😀 (ma loro non ne sanno nulla e ora saranno curiose eheheh).

Finiamo con qualcosa che, contrariamente a quanto detto all’inizio, non c’entra con l’ambito beauty 😉

Volevo raccontarvi qualcosa di più sulla mia vita: continuo a lavorare a Milano nell’ambito della consulenza in proprietà industriale (più che altro per quanto riguarda i marchi), continuo ad arrampicarmi sui pali a pole dance e a farmi male (di tanto in tanto) alternando momenti di euforia come quello in foto a momenti di disperazione e frustrazione perchè certe cose continuano a non venirmi… Ah e intanto cerco casa col mio fidanzato, una ricerca che praticamente si è trasformata in un secondo lavoro!

Questi erano dunque degli aggiornamenti vari su di me, la mia vita e il mondo connesso al blog… voi cosa mi raccontate? 🙂

Psp #71: February

1 . Derma Pure Clinic – Whitening booster mask: maschera koreana in tessuto che mi hanno letteralmente tirato dietro al Cosmoprof, contiene estratti di limone, arancia, riso e olio di semi di jojoba. Mi lasciano sempre stranita queste maschere “sbiancanti” perchè se è vero che nei paesi orientali hanno il culto della pelle diafana, da noi non è proprio così! L’ho trovata molto imbevuta e discretamente idratante.


La consiglio: si
La ricomprerò: no

2 . Sephora – Almoon foot mask: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

3 . Sunsilk – Crema ultra light senza risciacquo: maxi campioncino  che avevo in giro da tempo immemore. Un trattamento leave-in per rendere i capelli  più modellabili e fluenti.. siccome non amo i prodotti leave-in perchè mi appesantiscono troppo i capelli, l’ho usata come maschera lasciandola in posa e poi sciacquandola. Niente di eccezionale comunque, con un pessimo inci tra l’altro.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

4 . Cien – Refreshing facial wipes: salviettine struccanti per peli normali e miste con olio di mandorle, vitamina E ed allantoina, adatte anche a trucco waterproof. Le tenevo nella borsa della palestra per struccarmi prima della doccia: hanno sempre tolto qualsiasi trucco, longlasting o waterproof compresi. Ottime!

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

5 . ELF –  Liquid eyeliner argento: lo butto perchè si è seccato, ma non mi è mai piaciuto. Innanzitutto ha un pennellino per l’applicazione che non permette una stesura omogenea del prodotto, poi anche la consistenza non ha mai aiutato, troppo liquido!

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

6 . Wycon – eyeshadow base: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

7 . Sephora – Mascara outrageous curl: minitaglia di un mascara che promette volume e curvatura. Non mi è piaciuto perchè lo scovolino coi dentini non riusciva a separare bene le ciglia e le caricava con decisamente troppo prodotto, appesantendole!

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

8 . Elgon Imagea –  Absolute shampoo hairtype 2: shampoo per capeli secchi, colorati e danneggiati. Contiene proteine di quinoa ed estratto di melograno, mentre è formulato senza sls/sles, parabeni, siliconi, petrolatum, peg nè cessori di formaleide. Non mi è dispiaciuto perchè non mi ha irritato il cuoio capelluto ma non mi ha neanche conquistata.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

9 . Lush – Gelatina da doccia Nightwing: gelatina da doccia di Halloween, a forma di pipistrello. Contiene succo di lime e aloe e il profumo ricordava tanto la coca cola 😀

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

10 . Mades – Temptation Pure hand&nail cream: crema mani che avevo comprato in Danimarca credo. Contiene estratto di liquirizia, olio di uva e burro di karitè. Mi ha accompagnata dall’inizio del’inverno e mi è piaciuta molto.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

11 . Bottega Verde – Burro corpo alle mandorle dolci: dal momento che ho scoperto tardi che i burri corpo sono decisamente troppo pesanti per la mia pelle, ho finito questo di BV come crema mani, complice il barattolino comodo da tenere in ufficio. Nonostante fosse un burro, non ungeva troppo la pelle e si assorbiva in fretta.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

12 . La corte dei sogni – detergente intimo alla calendula: un buon detergente, delicato, dalla consistenza “gellosa”. Trovato in offerta a credo 1€ da Caddy’s, se ricapita l’offerta lo riprenderò.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

13 . Viviverde Coop – shampoo delicato: contiene estratto i semi di lino e aloe, ed è davvero delicato sulla cute. Per renderlo ancora più delicato, lo diluisco nello spargishampoo. Lava bene e non contiene troppe schifezze, per me è promosso.