Lush – Amazon primer

Lo ammetto: ero un po’ scettica quando ho ricevuto questo olio viso. Ho pensato: “un olio? ma se io mi lucido anche solo col pensiero!” e perciò questo simpatico prodottino è rimasto nel cassetto per un po’ di tempo.

Poi un bel giorno, complice un periodo di pelle un po’ più secca del normale, ho deciso di dargli una chance… ma andiamo con ordine.

Continua a leggere

Psp #82: January

1 . I Provenzali – olio di semi di lino: c’è stato un tempo in cui questo olio era il non plus ultra del settore ecobio, e volete che io non l’abbia comprato? Poi ho scoperto che sui miei capelli non faceva un gran effetto, ed è rimasto inutilizzato per molto tempo. Sono finalmente riuscita a finirlo come olio togli-ceretta sulle gambe.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

2 . Elgon Green РImagea essential shampoo hairtype 1: gel shampoo con estratto di riso viola del Laos, specifico per capelli naturali, fini e grassi. Mi ̬ piaicuto, lava bene e non mi ha creato particolari fastidi alla dermatite.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

3 . Rituals – Sensational foaming shower gel Ritual of Sakura: faceva parte di un set comprato da Sephora, contiene latte di riso e fiori di ciliegio.  E’ un bagnoschiuma in mousse che però è un po’ strano… nel senso che dall’erogatore esce semi-liquido e poi si gonfia. Non mi ha convinta, il Balea è molto più performante! Il profumo però è buono.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Balea – Hydrogel gesichts maske: maschera in hydrogel con pizzo all’interno. Contiene estratto di alghe e acido ialuronico. E’ divisa in due parti, fronte-naso e poi guance-mento, aderisce bene al viso. La sensazione è rinfrescante ma dopo l’uso non ho notato grandi cambiamenti.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

5 . Testanera Palette – shampoo secco: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

6 . Alfaparf – maschera ristrutturante: contiene olio di semi di lino e Urban Defence Pro, un attivo in grado di proteggere la fibra del capello dagli agenti inquinanti. Buon profumo, lascia i capelli morbidi.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

7 . Balea – Feuchtigkeits maske: maschera viso in crema, con acqua termale ed estratto di alghe marine. L’ho trovata discretamente idratante e anche rinfrescante. Le maschere in crema di Balea hanno su di me più o meno tutte lo stesso effetto, quello che di solito le rende spettacolari è il profumo, che però in questo caso era quasi impercettibile.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

8 . Lush – Gelatina da doccia Santa’s Belly: mi piacciono sempre tanto le gelatine da doccia, e questa non fa eccezione, Faceva parte della collezione natalizia, era rossa e speziata.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

9 . Mac – Mineralize skinfinish light plus: cipria minerale leggermente colorata, l’avevo acquisita in una “adozione cosmetica”. Uniforma il colorito e fissa il trucco, ma non opacizza quanto mi sarei aspettata.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

10 . Revolution – mascara: questo mascara arriva dal Cosmoprof 2017. Mi è piaciuto, bello fluido e molto nero, districa bene e dà un effetto naturale.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

11 . Sensur̬ Рsalviettine struccanti viso & occhi 3 in 1: anche queste mi sa che arrivano dal Cosmoprof. Hanno ben tre azioni poich̬ struccano, detergono e rivitalizzano. Le ho trovate efficaci e delicate. Sono comode in viaggio perch̬ ̬ una confezione mini da 10 pezzi.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

12 . Cien Nature – crema mani Calendula: gentile omaggio del Sana 2018. Non avevo provato nulla della linea bio di Cien (da Lidl). Contiene olio di semi di girasole, olio di oliva, burro di karitè ed estratto di camomilla. L’ho trovata un po’ pesante e scivolosa, ma nutriente.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

13 . Rizes Crete – Hair conditioner: balsamo greco con estratto di oliva e proteine del grano, senza parabeni. L’ho comprata al Cosmoprof 2018 per testare qualche prodotto del marchio. Mi duole ammetterlo, ma non mi ha esaltato perchè non l’ho trovato abbastanza nutriente.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

Lush e il make up “nudo”

Come probabilmente saprete, Lush fin dal suo inizio ha sempre prodotto e commercializzato cosmetici quanto più ecosostenibili, attenti all’ambiente e inclusivi, oltre che divertenti, colorati e profumati 🙂 Da qualche tempo, l’anima green di Lush si è ancor di più espressa grazie a prodotti venduti “nudi”, cioè senza alcun packaging per ridurre al minimo gli sprechi e i rifiuti.

A Milano è stato aperto il primo store completamente “nudo”, che vende esclusivamente prodotti che non necessitano di alcun tipo di confezionamento: se ci pensate, è un approccio forse estremo ma che riesce a trovare un modo per concretizzarsi. Bagnoschiuma solidi, shampoo solidi (questi sono una vecchia conoscenza Lush), saponi in card idrosolubili, olii viso in panetto solido.

Una cosa mancava – e in generale è stata poco sviluppata da Lush in questi anni, e per quel poco non ha ottenuto risultati eccelsi: il make up. Perlomeno fino ad oggi, poichè sono da poco arrivate due novità di un certo rilievo…

La più fresca sono i rossetti: pigmenti colati come i rossetti ‘classici’, ma arricchiti dall’olio di semi di broccoli (con proprietà illuminanti, idratanti e ringiovanenti) e da un mix di cere vegetali quali candelilla, rosa damascena e girasole, che proteggono le labbra.

Sono state sviluppate due versioni: una ‘completa’ con il bullet in plastica riciclabile e una ‘nuda’ che contiene solo la ricarica del rossetto, avvolto nella parte inferiore da una cera protettiva che, se rimossa, permette di inserire lo stick in una confezione di rossetto vuota. In questo modo si può riutilizzare qualsiasi confezione di rossetto e diminuire gli sprechi.

I nuovi rossetti di Lush sono disponibili in ben 40 tonalità suddivise tra rossi, greige e nude (abbinabili a tutte le tonalità possibili di carnagione). Purtroppo non vengono venduti in alcun negozio fisico, ma li trovate online al prezzo di 16.95€ (versione completa) e 10.95€ (il refill).

Passiamo invece agli illuminanti, un prodottino davvero interessante uscito qualche tempo fa e che vorrei davvero provare!

Si tratta di cosmetici a forma di gessetto, che sono ricoperti alla base dalla stessa cera nera dei rossetti che permette una presa agevole. Sono disponibili in diverse colorazioni, dorate, rosate e perfino un verdino/azzurrino.. oltre a tinte ben più naturali e discrete.

Pur essendo un’esclusiva online possono anche essere trovati nel Naked Shop di via Torino a Milano. Hanno un costo di 14.95€.

Oltre a rossetti e illuminanti, Lush ha anche sviluppato recentemente correttori e fondotinta solidi e senza packaging.

Avete mai provato cosmetici “nudi”? provereste queste novità Lush? 🙂

Psp #80: November

1 . Testanera Palette – shampoo secco: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

2 . Balea – Mizellen reinigungs tucher: salviettine struccanti con acqua micellare, specifiche per pelli sensibili. Mi sono piaciute molto, struccano bene anche i prodotti waterproof. Sicuramente un buon acquisto da DM.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

3 . Sephora – ultimate warming cleanser: review e inci qui.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

4 . Kiko – Maschera viso Chill out session: maschera viso in hydrogel, con estratto di lavanda e di camelia ad effetto defaticante. E’ una vera coccola, è molto piacevole da utilizzare e, quando la si toglie, la pelle sembra più riposata e compatta.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

5 . Bottega Verde Рcrema mani riso venere: crema mani ad effetto nutriente e protettivo, con estratto di riso venere. La sensazione sembra in effetti quella, la profumazione ̬ delicata e lascia le mani belle morbide.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

 

6 . Timeless truth – argan oil & shea butter restorative mask: maschera presa al Cosmoprof, ad effetto nutriente e rimpolpante. Contiene burro di karitè, olio di oliva e olio di argan. Molto imbevuta e rinfrescante, non ho però riscontrato alcun effetto concreto.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

7 . Debby – Concealer solution: stick correttore ad alta coprenza. Un po’ troppo rosato per la mia pelle ma la qualità non è niente male, considerato che si parla di un marchio low cost.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

8 . Yves Rocher – Gel creme hydra vegetal: minisize di crema viso idratante. Abbastanza leggera ma a fine giornata mi lucidava un pochino la pelle.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

9 . Alverde Рintensiv lippen-balsam granatapfel karit̩butter: review e inci qui.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

10 . Sephora – waterproofeye make up remover: struccante bifasico, il classico bicolore trasparente-azzurro di Sephora, con estratto di fiordaliso. La minisize è comoda da portare in viaggio perchè si è sicuri che struccherà qualsiasi cosa senza fatica.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

11 . L’erbolario – profumo Rabarbaro: una novità di questa stagione, la profumazione rabarbaro è dolce e intensa, davvero particolare. Io me ne sono innamorata!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

12. L’Oreal – contour khol eyes n. 133: matita occhi marrone che io usavo come matita sopracciglia perchè sulla palpebra non scriveva per nulla! Come matita per sopracciglia, invece, era molto valida e durevole 😀  Ne parlavo qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

13 . Lush – spumante Ruby red slippers: la scarpetta rossa di Dorothy del mago di Oz! ecco uno spumante da bagno Lush davvero bellino, come tutti in realtà: rosso rubino con glitter che rendono la vasca spumosissima e luccicante.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

14 . Balea Рshampoo vanille & mandelol: shampoo alla vaniglia e olio di mandorle, il profumo ̬ paradisiaco! Non mi ha creato particolari fastidi sul cuoio capelluto (ricordo che io soffro di dermatite).

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

Happy Halloween da Lush!

Un post velocissimo per augurarvi Buon Halloween! Stasera da cosa vi travestirete, streghetta, zombie, fantasma o vampiro?

Io purtroppo quest’anno sarò a casa a invidiarvi… magari mi consolerò facendo un bagno a tema, ovviamente con i prodotti Lush 🙂 D’altronde, se cercate un brand con proposte divertenti, anticonvenzionali ed anche etiche, la scelta è ormai ovvia.

Anche quest’anno Lush propone infatti una collezione ad hoc, tra grandi classici e novità entusiasmanti. Vi cito come esempio Ghost in the dark, il sapone fosforescente a forma di fantasmino, oppure Eyeball, la bomba da bagno a forma di occhio, o anche Ectoplasm, la crema da doccia in versione solida e liquida.

Non so voi, ma io ogni volta che vedo tutti questi prodottini colorati e profumati non so resistere… comprerei tutto il negozio!! Poi però penso che a casa ho scorte per un esercito e soprattutto non voglio rischiare che vadano a male e debba buttarli, e alla fine mi limito a pochi pezzi. In questo modo soddisfo la mia voglia di novità e faccio scelte ragionate.

Voi festeggiate Halloween? Vi farete tentare dalle novità Lush che troverete nei negozi ancora per qualche settimana? 🙂

Lush – Scrub Cherryish

Continuiamo questa difficile settimana di rientro dalle ferie con una review di un prodotto che sto usando ultimamente: si tratta dello scrub Cherryish di Lush.

E’ uno scrub a forma di cuore grande circa quanto il palmo della mano, è marroncino e ha una coppia di ciliegie disegnata su di esso. Inoltre ci sono i granellini esfolianti di noccioli di ciliegia triturati che ricoprono l’intera superficie.

Altri elementi importanti che contiene sono il burro di cacao biologico equosolidale, gli estratti di cioccolato e ciliegia, il sale marino e l’olio essenziale di mandorle dolci, che tutti insieme hanno un’azione esfoliante e nutriente.

Gli scrub Lush generalmente mi piacciono e questo Cherryish non fa eccezione: l’azione esfoliante è delicata ma efficace, e i componenti nutrienti assicurano una pelle bella morbida e non irritata.

Il profumo è molto tenue e non invadente, e ricorda solo molto vagamente le ciliegie: non mi disturba, anzi, ma se vi aspettate una profumazione intensa non la troverete in questo prodotto.

Tuttavia una problematica mi crea qualche fastidio: lo scrub risulta molto malleabile, troppo, se viene a contatto con l’acqua: l’ideale sarebbe maneggiarlo con la mani asciutte e passarlo sulla pelle bagnata, in ogni caso anche così tende ad assorbire acqua e “sgretolarsi”. Dopo l’uso raccomando di farlo asciugare bene ma difficilmente riconquisterà la compattezza iniziale.

Non so se con le temperature più fredde rimarrà più compatto, penso di si, ma l’accoppiata caldo + umido tende a squagliarlo e non è una bella cosa.

Ecco l’inci, preso dal sito Lush:

sale marino (sodium chloride), burro di cacao biologico equosolidale (theobroma cacao), burro di murumuru (astrocaryum murumuru), bicarbonato di sodio (sodium bicarbonate), burro di illipe biologico (shorea stenoptera), burro di karité equosolidale (butyrospermum parkii), noccioli di ciliegia macinati (prunus cerasus), sodium laureth sulfate, cremor tartaro (potassium bitartrate), ciliegie essiccate (prunus cerasus), cioccolato bianco vegano, essenza assoluta di cacao (theobroma cacao), olio essenziale di mandorle (prunus amygdalus amara), olio extravergine di cocco (cocos nucifera), polpa fresca di mela (pyrus malus), estratto di cioccolato, lauryl betaine, sodium lauryl sulfate, hydroxypropyl methylcellulose, sodium polyacrylate, benzoato di benzile (benzyl benzoate), cinnamyl alcohol, cumarina (coumarin), hexylcinnamal, perfume, ci. 47005:1, c.i. 42090:2, colour 14700

Qualche info tecnica: lo scrub Cherryish è disponibile in un’unica grammatura di 100g al prezzo di 10,95 euro.

Avete mai provato Cherryish e gli altri scrub Lush? 🙂