Psp #74: May

1 . DM Sun Dance – Après pflege schaum (schiuma doposole): review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

2 . Sephora – Aloe vera hand mask: review e inci qui.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

3 . Fresh&Clean – Salviettine Milleusi: classiche salviettine rinfrescanti che uso a pole per ripulire velocemente la pelle dalla magnesite. Sono comode perché la confezione chiusa le mantiene imbevute più a lungo (a parte quest’ultima confezione che era difettosa e non si chiudeva bene… ma di solito sono ottime).

Le consiglio: si
Le ricomprerò: si

4 . Petit Jardin – Mousse corpo vellutante: arricchita con fiore di loto e papavero, olio di mandorle dolci e collagene marino. La profumazione è delicata ma la texture è un po’ troppo pesante per i miei gusti.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

5 . Givenchy – Ange ou demon le secret: campioncino di profumo, troppo dolce per me. Bocciato.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

6 . Project – eye pencil: la usavo come matita per sopracciglia nonostante avesse dei microglitterini dorati (che non si notavano però). Buona durata e colore intermedio che andava bene un po’ tutto l’anno. Avevi letto il mio post sulle matite per sopracciglia? Lo trovi qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

7 . Bottega Verde – latte corpo Limone e Agrumi: due bustine di campioncini, profumazione un po’ chimica e poca idratazione. Mi pare fosse un’edizione limitata. C’è di meglio!

La consiglio: no
La ricomprerò: no

8 . Lush – Sparkly pumpkin: spumante da bagno di Halloween (..si lo so, le tempistiche..) a forma di zucca arancione ricoperta interamente di glitter oro. Fa una bella schiuma soffice e colora l’acqua di arancione. I glitter non rimangono sulla pelle, che però acquista una morbidezza incredibile!

La consiglio: si
La ricomprerò: no

9 . Fria – Salviettine intime con salvia e menta: preferisco questa confezioni piccole da 10 da tenere in borsa, poi in generale una marca vale l’altra. Queste non mi hanno esaltato perché il profumo di menta è davvero troppo forte (e a me la menta non piace!).

Le consiglio: si
Le ricomprerò: no

10 . Kiko –  Color-up long lasting eyeshadow n°10: matitone ombretto di un discreto color rosato/malva, che fungeva benissimo da base per altri ombretti. Si è seccato senza possibilità di rimedio ma comunque era quasi finito, l’ho usato davvero tanto. Era un’edizione limitata ma ogni tanto questo tipo di prodotto viene riproposto in diverse colorazioni.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

11 . Kiko – Longlasting stick eyeshadow n°7 (beige dorato): un ottimo compagno di make up, resistente anche come base. È davvero finito e medito di ricomprarlo. Qui un mio post su questi prodotti Kiko.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

12 . Kiko – Metal Light eyeliner: eyeliner liquido metallizzato verde bosco di una limited edition di mille anni fa. L’ho usato fino alla fine, non si è seccato! Aveva una tenuta favolosa, peccato si struccasse spezzettandosi. Potete vederlo in azione qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

13 . Peter Thomas Roth – Cocumber gel mask: maschera in gel di un bel colore verdino trasparente, molto rinfrescante e ad azione detox grazie ad una serie di estratti naturali. Mi è piaciuta, fa parte di un trio di minisize in vendita da Sephora.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

* * *

Avete provato qualche prodotto tra questi che ho finito a maggio?? 🙂

 

Kiko presenta la nuova collezione Jelly Jungle

null

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare dei superfrutti (o, più in generale, dei superfood): alimenti con specifiche caratteristiche organolettiche che procurano benefici all’organismo. Anche Kiko non si lascia sfuggire il trend e presenta la nuova limited edition “Jelly Jungle” estiva a base di superfrutti, caratterizzata da tonalità vivaci, finish brillanti e a lunga tenuta.

Le texture in gel di alcuni prodotti li rendono particolarmente adatti alle calde giornate estive e il packaging trasparente e colorato dona il tipico tocco estivo alla collezione. Ma vediamola più da vicino.

Partiamo dall’unico prodotto per le unghie: una base trasparente Nail lacquer in due versioni cromatiche, arricchito da estratti di bacche di goji (4,95€).  Molto interessante è anche la palette di ombretti Eyeshadow palette, disponibile in due diverse selezioni di tonalità, con ombretti adatti ad un uso asciutto e bagnato la cui formula contiene olio di avocado (12,95€).  Continuiamo con il Maxi Bronzer ad effetto mat o metallizzato, che contiene olio di bacche di goji (12,95€). Infine non può mancare un illuminante Highlighter, in versione liquida e due tonalità (dorata o rosata), anch’esso contenente olio di bacche di goji (8,95€).

Addentriamoci nel reparto occhi: Eye pencil è una matita automatica a lunga durata, disponibile in quattro colori (7,95€), mentre Eyebrow marker è un comodo pennarello a punta fine per definire le sopracciglia con effetto tattoo (5,95€). Non poteva mancare un Mascara colorato per ciglia e sopracciglia, in cinque tonalità metalliche (7,95€): quest’anno non so se vi siete accorte ma sono dovunque! Kiko propone anche un prodotto 2 in 1: Eyeliner e ombretto cremoso, in quattro varianti cromatiche ad effetto metal (8,95€).

Il reparto labbra è un po’ limitato ma un paio di elementi interessanti ci sono, ad esempio l’altro prodotto 2 in 1 della collezione, un matitone Lips & Cheeks dall’effetto luminoso e contenente estratto di papaya. Un prodotto tipicamente estivo è il Lipgloss, proposto con efetto 3D in quattro diverse nuances arricchite da estratto di melograno (8,95€). Simile nel concept è il Metallic liquid lipstick, anch’esso in 4 tonalità e con estratto di melograno (8,95€). Infine un gradito ritorno, il Double lip balm con doppio colore esterno e interno, spf 20 e aromatizzato alla sangria e piña colada (7,95€).

Ultimo giro di boa con gli accessori compresi in questa limited edition, che meritano un’occhiata anche loro. Personalmente sono molto attratta dal kit anti-fatica Cooling eye kit, con mascherina rinfrescante e dischetti monouso idratanti con estratti di cetriolo e ninfea (9,95€).  La collezione annovera anche due pennelli: il 4 in 1 eye brush per ombretti e eyeliner con testine staccabili e intercambiabili (12,95€) e il Power brush per le polveri viso (12,95€).

Un prodotto nuovo nella gamma Kiko è il Shimmery fragrance gel, un fresco profumo in gel dalle note di tiarè, neroli e muschio (12,95€). Un altro prodotto per il corpo è la Shake body lotion, una crema corpo bifasica idratante contenente con olio di avocado e di melograno (9,95€).

Un altro trend che Kiko interpreta con estro è quello degli accessori in silicone e allora ecco la Cleansing silicone sponge, una spugnetta in silicone con rilievi sulla superficie che esfoliano delicatamente la pelle (6,95€). Infine un altro kit, il Perfect eyes kit, composto da piegaciglia (indispensabile per me!), pinzetta e doppio pennello per ciglia e sopracciglia (9,95€).

Sicuramente passerò in negozio a vedere dal vivo la Jelly Jungle collection, ci sono un paio di pezzi che secondo me meritano! E voi da cosa vi lascerete tentare? 🙂

KIKOiD… personalizza il tuo rossetto!

KIKOiD è il negozio Kiko più grande al mondo, è stato aperto nel 2017 e si trova a Milano in Corso Vittorio Emanuele I, 10. Al suo interno è presente un’area espositiva vastissima e una Private Room con tre postazioni trucco dedicate a servizi di make up personalizzati e prenotabili per un’esperienza totalmente unica e riservata.

Inoltre, il negozio di Milano è l’unico al mondo in cui è presente un servizio di personalizzazione sul momento di alcuni prodotti (rossetti e pennelli), un servizio che ho provato e di cui sono rimasta entusiasta.

Il procedimento di personalizzazione è semplicissimo: da uno schermo touch si sceglie il prodotto da personalizzare (tipo e colore), poi si passa alla scelta dell’immagine che verrà impressa e delle eventuali parole da aggiungere. A questo punto, si nomina il progetto e lo si invia alla postazione di personalizzazione.

La postazione di personalizzazione è composta da due bracci meccanici della ABB (una multinazionale svizzera specializzata in ingegneria e automazione): una volta avviato il procedimento, il braccio di sinistra compie movimenti automatizzati che identificano il tipo di prodotto inserito negli appositi supporti e lo prelevano.

Nel frattempo, il braccio di destra procede ad abbassare il vetro di protezione della camera in cui è situato il laser per l’incisione. Il braccio sinistro a quel punto deposita il tappo del rossetto in un altro apposito supporto all’interno della camera di incisione, poi il vetro di protezione viene chiuso e inizia il processo di incisione laser.

In caso invece il prodotto da personalizzare sia un pennello, sarà l’operatrice Kiko a posizionarlo all’interno della camera, poichè il braccio meccanico non è tarato per prelevare questo tipo di prodotto.

E’ a questo punto che comincia la “magia”, che poi tanto magia non è: sappiamo più o meno tutti che il laser crea incisioni sottilissime e precisissime e anche questo caso non fa eccezione. Potete vedere nella foto sopra il disegno che viene creato in pochissimo tempo.

Se l’incisione richiede relativamente poco tempo, tutti i movimenti necessari per prelevare il tappo del rossetto, posizionarlo correttamente, aprire e chiudere il portello  sono invece veramente lenti: saranno sicuramente scenografici ma se un’operatrice mettesse in autonomia il prodotto nella camera di incisione il tempo sarebbe sicuramente ridotto ad almeno la metà.

In ogni caso, il risultato finale è spettacolare: l’incisione è talmente sottile che sembra una stampa! I bordi sono precisi e ben fatti.

Ho voluto sfruttare questo servizio prima del Cosmoprof, per portare alle mie compagne di avventura un rossetto personalizzato che ci ricordasse questa edizione: potete vederli nella foto di apertura di questo post, dove manca il mio perchè ha avuto una storia un po’ più travagliata (…ma poi è arrivato!).

Quanto costa il servizio? So che è la domanda più gettonata in questi casi e vi do una notizia stupenda: la personalizzazione è gratuita, pagherete solamente il costo del rossetto o pennello, eventualmente scontato in caso di saldi.

Ne vale la pena? Assolutamente si, non solo perchè avrete un prodotto interamente personalizzato ma anche perchè arriverà dall’unico negozio Kiko al mondo che offre tale servizio. Inoltre, tra le immagini disponibili c’è anche il Duomo di Milano, per cui se siete in visita alla città potrete anche avere un souvenir diverso dal solito 😉

Conoscevate questo servizio del negozio KIKOiD? 🙂

Psp #70: January

Primo Psp del 2018! Questo mese è stato molto prolifico per cui mi auguro che lo sarà anche il resto dell’anno 😉

1 . Balea – Trocken Shampoo fur dunkles Haar (shampoo secco): review e inci qui.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

2 . Lush – Snowman Fun Kit: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

3 . Alverde – Mizellenwasser Bio-Apfel (acqua micellare): review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

4 . Dior – Miss Dior eau de parfum: campioncino, non è male ma non mi ha conquistata, troppo dolce.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

5 . Lush – Sleepy crema corpo: crema corpo molto ricca con olio di mandorle, olio di jojoba e burro di cacao. Contiene vagonate di lavanda, letteralmente, per cui se non vi piace questo profumo statene ben lontani! Per me è davvero troppo pesante e in più la lavanda non mi piace molto :/

La consiglio: no
La ricomprerò: no

6 . Too Faced – Shadow insurance: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

7 . Kiko – Precision eyeliner: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

8 . Pupa – Olio doccia rigenerante anti-stress: bagnoschiuma contenente olio di mandorle che dovrebbe lasciare la pelle già idratata senza il bisogno di mettere la crema dopo la doccia. Il claim “rigenerante anti-stress” si riferisce alla presenza dell’olio di Patchouli dalle proprietà rilassanti, dal sentore balsamico, che invece me l’ha fatto odiare. contiene anche estratto di perla per donare luminosità, effetto non pervenuto.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

9 . Burt’s Bees – Lip balm Vanilla Bean: review e inci qui.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

10 . Biotherm – crema viso Aquasource: crema viso per pelli normali, ad idratazione di 48h. Era una minisize di una box Sephora, non avevo mai provato nulla del marchio per cui mi ha fatto piacere ma tuttavia non è un prodotto che mi ha soddisfatta perchè il dimethicone al secondo posto dell’inci si avvertiva tutto… e non è una sensazione che mi piace :S

La consiglio: no
La ricomprerò: no

11 . Bottega Verde – Burro corpo Argan del Marocco: contiene olio di argan ed estratto di gelsomino. Essendo un burro è stra-nutriente, troppo per i miei gusti.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

12 . Primark / Ps.. – Dischetti di cotone: li avevo già presi e li ho comprati di nuovo perchè sono fantastici. Sono orlati, non si sfaldano e il tubo ne contiene ben 120.. il tutto per 0,75 €!! Promossissimi 😀

Li consiglio: si
Li ricomprerò: si

Kiko – Neutral Eye base

La storia di questo primer occhi è singolare: stavo serenamente usando il mio primer Wycon (che ho recensito qui, avevate letto?) quando, senza dare alcun segno d’avvertimento, è finito improvvisamente. Di mattina. Lasciandomi nel panico. Abbiate sempre degli ombretti che tengono senza primer, datemi retta!

Dicevo, ho dovuto fare una veloce ricerca di mercato per scegliere un primer sostitutivo che potessi reperire nei negozi fisici e la scelta è caduta sul Neutral Eye Base di Kiko. Ringraziamo il mio fidanzato che me l’ha regalato ❤

Credo sia la prima volta che provo un primer di Kiko: per completezza di informationi, Kiko ha due primer occhi in gamma, questo e il Pearly Eye Base, ma personalmente preferisco i primer matte quindi ho optato per questo.

La confezione è semplicissima, un tubetto bianco in plastica morbida, con beccuccio erogatore sottile e tappo da svitare in plastica nera.

Trovo che il prodotto all’interno sia un pochino troppo compatto (o è la plastica a non essere morbidissima, rendendo scomoda l’erogazione? non capisco), comunque è cremoso e color pelle/beige.

Ne basta davvero poco per coprire le palpebre e una volta applicato praticamente non si vede, fondendosi con la palpebra.

Non ha alcuna profumazione.

Su di me si comporta molto bene, àncora qualsiasi ombretto fino a sera e non lo fa andare nella piega dell’occhio. Non ho notato effetti intensificatori di colore, a non è formulato per questa funzione quindi non mi crea problemi.

Qui sopra l’inci – se lo vedete piccolo cliccateci sopra che si ingrandisce! Ovviamente non si tratta di un prodotto ecobio, ma ritengo che un prodotto con una funzione così importante come il primer per gli ombretti debba essere il più performante possibile, a prescindere da ciò che contiene.

Il pao è di 6 mesi e il contenuto è 10 ml.

Lo potete trovare in tutti i negozi Kiko e sul loro sito online con un prezzo di 7,95 Euro.

Avete mai usato questo primer Kiko? Qual è il vostro primer per ombretto preferito? 🙂

Le nuove maschere monodose di Kiko

Kiko ha da poco lanciato la nuova linea di maschere monodose – o monouso, come volete chiamarle: si tratta di ben dodici maschere in tessuto o hydrogel che vanno incontro ognuna a una necessità cutanea diversa. Dalle più divertenti alle più “preziose”, ecco una panoramica di questa nuova e apprezzatissima uscita di Kiko!

Le prime maschere che vi mostro sono le più divertenti e giocose: sono quattro maschere in tessuto che hanno impressa ciascuna un disegno di animale – panda, tigre, rana o gatto. Sono tutte ad effetto idratante e costano 3,95€ l’una.

Le maschere in hydrogel sono quattro, più una che però è composta in esclusiva dai patch occhi. Ogni maschera ha un effetto diverso: energizzante, idratante e defaticante le tre “normali”, mentre la quarta è dorata ed è illuminante. Anche i patch occhi sono dorati, grazie all’estratto di miele, e sono rivitalizzanti. Le maschere costano 4,95€ l’una mentre i patch occhi 3,95€.

Le ultime tre maschere sono nuovamente in tessuto: due hanno un particolare effetto sul viso (una illuminante grazie a perle di luce e l’altra opacizzante), mentre la terza è al carbone vegetale giapponese. Quest’ultima ha un effetto purificante e opacizzante, è in microfibra nera e a contatto con l’aria crea un mare di bollicine dalle proprietà mattificanti. Queste maschere costano 3,95€ l’una.

Come potete vedere dalla foto in alto, io ho già approfittato di questa nuova uscita e ho scelto la mia maschera… voi cosa state aspettando?? 🙂

Kiko – Precision eyeliner

C’è stato un tempo in cui non usavo l’eyeliner – stolta ragazza! – poi mi sono redenta e ho cominciato ad inserirlo quotidianamente nei miei make up.

Sono fermamente convinta che una riga di eyeliner nero incornici l’occhio e lo renda più definito, qualsiasi ombretto vi si applichi al di sotto, dal trucco più semplice a quello più costruito e scenografico.

Uno dei miei ultimi acquisti è il Precision Eyeliner di Kiko, disponibile solo in nero.

La confezione è semplice e classica, con tappo a vite che nasconde l’applicatore in feltro. Questa tipologia di applicatore aiuta molto chi non ha la mano ferma perché è più compatto di un pennellino sottile con le setole; di contro, tende a creare righe a volte troppo spesse se non si dosa bene la quantità di eyeliner che si preleva.

Mi piace molto il fatto che, una volta applicato, l’asciugatura sia molto rapida: odio sporcarmi la palpebra superiore perché l’eyeliner ci mette un secolo ad asciugarsi! Inoltre, se da bagnato il colore è nero lucido, da asciutto si tramuta in nero opaco, molto elegante e discreto.

Il tratto è fluido e piuttosto preciso, la consistenza dell’eyeliner non è né troppo liquida né pastosa.

Tuttavia, nonostante venga pubblicizzato come “a lunga tenuta”, posso dire che non lo è per davvero: basta sfregarsi un po’ gli occhi (a chi non capita?) o bagnarsi accidentalmente e l’eyeliner se ne va. E se c’è una cosa che non sopporto è vedere un eyeliner senza più la coda perché, per esempio,  mi sono grattata l’occhio!

Per questa ragione, lo giudico un buon prodotto ma lo consiglio solo per occasioni che non si protraggono molto nel tempo, a causa appunto della sua tendenza a svanire un po’ troppo facilmente.

La boccetta contiene 2,5 ml di prodotto con un pao di 6 mesi.

Potete trovare il Precision Eyeliner in tutti i negozi Kiko o sul loro sito online (qui) a 6,95 euro.

Avete mai provato gli eyeliner Kiko? 🙂

Kiko celebra i suoi primi 20 anni

Sembra incredibile ma Kiko compie 20 anni. Certo, la diffusione capillare che ha avuto negli ultimi anni l’ha portato alla ribalta molto più di prima ma di sicuro è ormai diventato un brand che ha fatto la storia del make up a prezzi accessibili.

Il primo punto vendita aperto il primo settembre 1997 si trovava all’interno dello storico negozio di Fiorucci. Oggi, Kiko è presente in ben venti paesi con più di mille negozi, un terzo dei quali dislocati in Italia. Il brand ha una presenza capillare in Europa oltre a Turchia, Medio Oriente , Stati Uniti, Hong Kong, India e Brasile. Anche il sito web dell’azienda, con annesso shop online, è presente in ben 36 Paesi.

Per festeggiare questo importante compleanno, Kiko ha scelto di collaborare con Vogue Italia, che ha selezionato all’interno del progetto Vogue Talents sette designer internazionali ognuno dei quali ha firmato una capsule collection in edizione limitata. Ogni collezione avrà un mese d’uscita dedicato e sarà focalizzata su un trend make up, ma tutte e sette le collezioni saranno legate da un fil rouge che rappresenta l’essenza stessa del brand e i suoi valori più importanti: il colore, la creatività, il talento e lo stile made in Italy.

Ecco i nomi delle collezioni, ognuno legato all’artista di riferimento:

LESS IS BETTER – Super Duper Hats (marzo 2017)
TROPIC HEAT – Leitmotiv (aprile 2017)
ACTIVE FLUO – Arthur Arbesser (maggio 2017)
MINI DIVAS – Benedetta Bruzziches (giugno 2017) -> designer di borse!
ASIAN TOUCH – Isa Arfen (settembre 2017)
CANDY SPLIT – Giannico (ottobre 2017) -> designer di scarpe!
INTO THE DARK – Au Jour le Jour (novembre 2017).

Parallelamente ad ogni collezione uscirà anche un ciondolo legato al tema della collezione: si potranno collezionare e inserire sul braccialetto apposito. Come ottenerli? Acquistando 3 prodotti della collezione limitata si avrà in omaggio un braccialetto e un charm.

A marzo è uscita la prima delle sette collezioni in edizione limitata, “Less is better”. A firmarla, SuperDuper Handmade Hats, brand pluripremiato per il design e la qualità dei suoi cappelli. Ovviamente il charm dedicato altro non poteva essere che un cappello.

Protagonista della nuova capsule il trend “No make up – make up” per enfatizzare la bellezza naturale di chi lo indossa. Il trucco c’è ma non si vede ed è il risultato di un’applicazione che gioca bene con luci e ombre, sfruttando l’eleganza dei toni nudes.

Ad aprile è il turno di “Tropic Heat” di Leitmotiv, caratterizzata dalle tonalità dell’oceano e tropicali, unite ai fiori colorati che ritroviamo sia sulla bustina portatrucchi che sul manico del pennello.

Sono curiosissima di scoprire cosa avranno in serbo tutte le mini-collezioni, soprattutto quelle firmate da Giannico e Benedeta Bruzziches! ma purtroppo dovrò (e dovremo) aspettare alcuni mesi… ce la faremo? 😉

Psp #59: March

1 . Le erbe di Janas – Methi: erba in polvere con proprietà rinforzanti, anticaduta e stimolanti della crescita. Non mi è piaciuto, anzi l’ho proprio odiato, perchè tende ad agglomerarsi in piccole palline appiccicose che è una tortura togliere dai capelli!

Mi è piaciuto: no
Lo ricomprerò: no

2 . Tigi Beh Head – Conditioner Recovery: è un balsamo che fa parte della linea Urban Anti-dotes ed è specifico per i capelli secchi e daneggiati. Non mi ha esaltata, forse l’inci un po’ troppo chimico si è fatto sentire!

Mi è piaciuto: no
Lo ricomprerò: no

3 . Vitalcare – imperial argan shampoo secco: review e inci qui.

Mi è piaciuto: no
Lo ricomprerò: no

4 . Fria – salvietta struccantiPiù effetto night calming: salvietta monodose per peli delicate, con tessuto vellutato imbevuto di latte detergente e olio di argan. L’ho trovata delicata ma poco efficace sul trucco longlasting (che comunque non era a sua funzione).

Mi è piaciuta: si
La ricomprerò: no

5 . Pomellato – latte corpo Nudo Blue: latte corpo profumato, molto liquido e non troppo idratante. Era una travel size recuperata in aeroporto ma non l’avrei mai comprata di mia iniziativa.

Mi è piaciuto: no
Lo ricomprerò: no

6 . Kiko – Utimate pen Long wear Eyeliner: un buon eyeliner nero a penarello, facile da usare e dal tratto intenso. Come già osservato in prodotti simili, la durata del prodotto non è eccelsa perchè tende a seccarsi. Sulla pelle invece ha una tenuta davvero buona!

Mi è piaciuto: si
Lo ricomprerò: si

7 . Malizia – Eau de toilette Musk: profumo davvero vecchio, era abbinato a un deodorante. Tutto sommato, la fragranza mi è piaciuta e si è miracolosamente mantenuta intatta fino ad oggi.

Mi è piaciuto: si
Lo ricomprerò: no

8 . Lush – sapone Thanks dad: sapone cubico giallo, arancione e rosso con le lettere D-A-D sui lati, al profumo di arancia. Edizione speciale della festa del papà. Mi è piaciuto per il profumo!

Mi è piaciuto: si
Lo ricomprerò: no

9 . Chanel – crema viso Le lift: campioncino di crema-olio antirughe, mi intrigava la texture crema-olio e invece ho scoperto che è una crema pesantissima che anche come crema notte mi lasciava residui la mattina. Decisamente troppo nutriente per la mia pelle!

Mi è piaciuta: no
La ricomprerò: no

10 . Bottega Verde – crema corpo vellutante Pepe Rosa: campioncino, senza infamia e senza lode. Profumo che non è troppo nelle mie corde, idratazione non particolarmente evidente.

Mi è piaciuta: no
La ricomprerò: no