The Balm – blush Hot Mama!

C’è stato un periodo in cui ero ossessionata dai blush… no aspettate, lo sono ancora.

C’è stato un periodo in cui ero ossessionata dai blush CORALLO. Così va meglio :p

In realtà i blush corallo rimangono comunque i miei preferiti perchè si sposano bene coi colori del mio incarnato, degli occhi e dei capelli, ma ho imparato col tempo che in alcuni trucchi anche blush diversi, rosati stanno bene.

Ho fortissimamente voluto questo blush di The Balm e un Natale di qualche anno fa una mia amica ha avuto la splendida idea di regalamelo, forse perchè non sopportava più i miei pellegrinaggi nell’unica profumeria del circondario che teneva questa marca.

Parliamo subito della confezione: The Balm si caratterizza per i packaging curati, vagamente retrò, in cartone pesante e questo blush non fa eccezione. La confezione è compatta, grande quanto il palmo di una mano, e la chiusura è magnetica (molto sicura).

Sulla parte esteriore c’è il disegno di una pin up in costume e tacchi rossi, con un paesaggio tropicale sullo sfondo. Aprendo la confezione troviamo uno specchietto e la cialda, completamente inserita nella cornice di cartone.

La superficie della cialda ha una trama sottile come di un reticolato, particolare che non mi colpisce particolarmente ma nell’insieme contribuisce all’aspetto curato del prodotto.

Siccome io non sono una blogger professionista, le foto che vedete sono state scattate in questo periodo, quando cioè il blush Hot Mama! ha già svolto un po’ del suo onorato servizio… niente cialde immacolate da queste parti! XD

Come dicevo al’inizio del post, sono stata (e in parte sono ancora) una compratrice compulsiva di blush, perciò anche se da qualche tempo mi impegno ad usarli più o meno tutti a rotazione passeranno epoche geologiche prima che io riesca a finirne uno. Oltretutto, a mia discolpa posso dire che questo blush in particolare ha una buonissima pigmentazione perciò è sufficiente prelevarne poco per ottenere un bel colore pescato sulle guance.

La texture è fine, non farinosa, aderisce perfettamente sulla pelle e vi rimane per parecchie ore. Il colore è pescato con dei microglitter dorati che conferiscono luminosità e lo rendono un blush adatto alla primavera-estate. Ovviamente nulla vieta di mettere prodotti del genere anche in inverno, ma personalmente nelle stagioni fredde prediligo colori più opachi.

Qui sopra trovate l’inci, per chi di voi fosse interessato.

Qualche info pratica: il blush contiene poco più di 7 grammi di prodotto (essendo prodotto in USA le misure sono approssimate in grammi, loro usano le once!) e i PAO non è indicato proprio a causa della fabbricazione estera. Come sempre valgono le norme comuni del buon senso, se un prodotto cambia odore, colore, consistenza e/o provoca irritazioni è bene cestinarlo a prescindere dalla data di scadenza indicata.

The Balm è reperibile anche in Italia, non in moltissime profumerie ad onor del vero, ma in ogni caso agilmente online. Questo blush è generalmente venduto a circa 18 euro.

Avete mai provato Hot Mama! di The Balm? o altri cosmetici dello stesso brand? 🙂

TAG: Addicted to blush #blushfiend

Sono stata nominata. E si parla di blush.. preparatevi! #blushfiend vuol dire Assatanata di blush! Anche Carl qui sotto guarda i blush con occhi languidi… XD

DSC_7755

Ringrazio la dolce Misato (che leggo sempre ma non commento mai, sono una bruttissima persona) che mi ha pensata, d’altronde se si parla di roba da mettersi sulle guance è abbastanza scontato eheh
Come tutti i tag ha le sue regole:
– citare chi ti ha taggato
– citare chi l’ha inventato, l’australiana Kat di Kitsch snitch
– citare chi l’ha tradotto, Claudia di Ava’s World

What colour blush suits you the most? Qual è il colore di blush che ti dona di più?

Oh questa è facile: di sicuro il pesca ma in generale i toni caldi!

Pressed/cream/loose blush? Blush pressato, in crema o in polvere libera?

Fino a poco tempo fa avrei detto pressato, senza se e senza ma… ora non disdegno anche i cremosi, mi danno un po’ più da lavorare per evitare le antiestetiche chiazze ma son carini. Vade retro polvere libera invece!!

DSC_7742

Favourite shimmery blush? Qual è il tuo blush shimmer preferito?

Kiko Sun Bronzing Blush n.03 beyond coral. Faceva parte della limited edition City Summer (2012) e mi aveva talmente conquistata che l’avevo comprato appena uscito. E’ composta da tre colori, un corallo, un borgogna e un beige/pesca illuminante.

Favourite matte blush? Il tuo blush matte preferito?

Max Factor comprato a Berlino, si tratta del Miracle Touch n.18 soft cardinal. E’ in crema e ha una texture favolosa, si sfuma benissimo ed è piccolo, cosa da non sottovalutare nei viaggi 😉

Favourite cream blush? Il tuo blush in crema preferito?

Senza ombra di dubbio il Sublime Touch di Madina, nel colore délice. E’ un rosa antico che vira al pesca, principalmente mat anche se dalla cialda sembrerebbero esserci degli sbrillini che poi si volatilizzano XD

DSC_7745

Favourite drugstore blush? Il tuo blush preferito fra quelli più economici?

Questa categoria è molto variabile, vado a periodi. In questo momento mi sento di citare un blush di Shaka, ne erano usciti tre in una collezione camouflage. Mi era piaciuto l’accostamento di tonalità fredde a una più calda, il risultato è un mix modulabile e molto naturale.

Favourite high end blush?

Qui “high end” lo prendiamo con le pinze perchè mi rifiuto di spendere più di 20 euro per un prodotto di cui possiedo già numerosi esemplari (come sono saggia, si vede che sto invecchiando XD). Per cui rimanendo all’interno di questa fascia non posso non citare Hot Mama! di The Balm, che tra l’altro mi è stato regalato *gongola*. E niente, è bellissimo.

Biggest blush disappointment/regret? Qual è la maggiore delusione o rimpianto in tema blush?

MAC, primo acquisto del marchio e sublime delusione. E’ solar ray, un mineralize blush uscito con la collezione Heavenly Creatures (2012). Bellissimo in cialda ma difficilissimo da prelevare.. e sulla pelle lascia più che altro sbrillini. anche Santa Temptalia l’ha bocciato con un laconico C+… Ne avevo già parlato qui.

Per quanto riguarda il rimpianto… mmm… ah si! un Kiko della l.e. dell’estate scorsa Life in Rio. Aveva un packaging bellissimo e di tutte le varianti mi piaceva quella con l’illuminante verde acqua, mischiando i due colori si otteneva una sfumatura stupenda.

blush

Best blush packaging? Qual è il blush con il miglior packaging?

Ri-cito The Balm, è impossibile rimanere impassibili con tutte quelle confezioncine vintage! Le grafiche che usano mi piacciono davvero tanto.

What’s on your blush wish list? Quale blush hai nella tua wishlist?

Buona domanda. Quello della l.e. Cinderella di Essence mi attirava ma poi l’ho lasciato lì. Diciamo che ormai ce ne vuole prima di stupirmi e convincermi all’acquisto. Direi che un buon candidato è Classic dei Liquid Tech Blush di Nabla, anche se i blush liquidi mi inquietano sempre un po’. Oppure i blush a cuore di Too Faced.. e di MakeupRevolution!

Number 1 holy grail blush? Qual è il santo graal di tutti i blush?

Secondo me è il blush che non esiste XD Nel senso che è quello che possiede tutte le caratteristiche migliori, prezzo compreso: pigmentazione, resa, durata… E’ un po’ il mix di tutti i miei blush!

E veniamo ora ai tag: Jesslan, Francimakeup e drama’n’makeup. E poi chiunque voglia aggiungersi! 🙂