Sephora – Ultimate warming cleanser

Ultimamente i prodotti per la skincare sono quelli che mi danno più soddisfazione, o meglio, che riesco a consumare di più perché li utilizzo regolarmente. Sapete tutte quanto sia bello sentirsi realizzata vedendo un cosmetico consumarsi (o no? Ditemi le vostre opinioni!) e questa sensazione ovviamente è più facilmente ottenibile con prodotti usati quotidianamente.

Oggi dunque parliamo dell’Ultimate warming cleanser di Sephora, che avevo comprato qualche mese fa e ho deciso di lasciare a casa del fidanzato per utilizzarlo quando vado in trasferta.

Si tratta di un detergente che una volta applicato e massaggiato sulla pelle rilascia un lieve calore che aiuta ad aprire i pori e ad eliminare le impurità. Contiene estratto di linfa d’acero che con i suoi elementi nutritivi liscia e rimpolpa la pelle.

La consistenza è proprio quella dello sciroppo d’acero: densa, viscosa e appiccicosa, caratteristica che dovrebbe contribuire a inglobare le impurità e rimuoverle più facilmente. Non ha un profumo percepibile.

La confezione è classica, a tubo in plastica morbida con tappo a scatto dal foro delle giuste dimensioni per non sprecare prodotto. La confezione è trasparente così si vede bene a che punto si è arrivati.

La mia esperienza: le prime volte che lo applicavo percepivo davvero la sensazione di calore, non in modo esagerato né fastidioso. Poi procedendo con gli utilizzi questa sensazione è andata via via attenuandosi fino a sparire. Non se se dipenda dal fatto che è aperto da qualche mese (ma siamo ancora all’interno del pao!) ma davvero parlo di due o tre mesi dopo l’apertura.

La consistenza ammetto che non mi esalti particolarmente, proprio per via della estrema viscosità che rende poco agevole l’applicazione –  e si rischia inoltre di impataccare i capelli! XD  In ogni caso l’effetto generale è buono, dopo averlo sciacquato via la pelle rimane tonica e la sensazione è di pulizia.

Qui sopra trovate l’inci, per chi volesse consultarlo.

Ho controllato sul sito Sephora e pare non esserci più ma non escludi che nei negozi fisici esista ancora – inoltre sul sito USA è ancora disponibile.

L’Ultimate warming cleanser è disponibile in una sola versione da 125 ml e ha un pao di 12 mesi. Veniva venduto a 9,90 Euro.

Avete mai provato questo detergente o un detergente “effetto caldo”? 🙂

Montagne Jeunesse – Hot Chocolate masque

DSC_8583

Le ho volute per tanto tempo e finalmente ce l’ho fatta: mi sono decisa a provare una maschera viso di Montagne Jeunesse. Ormai tutto il web le conosce, sono monodose facilmente reperibili in moltissime catene di profumerie.
Io ho scelto Hot Chocolate, un po’ perchè sono una golosona, un po’ perchè mi incuriosiva provare l’effetto caldo che dovrebbe aprire i pori e aiutarne la pulizia.

Questa maschera è al gusto (o profumazione?! mi confonde ahah) cacao e arancia ma devo dire che io l’arancia non l’ho molto percepita.
Contiene caolino e argilla del mediterraneo, come ogni maschera che si rispetti, nonchè cenere vulcanica. Il cacao è presente sotto forma di polvere e di olio di semi di cacao.

DSC_8586

Le istruzioni dicono di applicarla, lasciarla in posa 10-15 minuti e sciacquare. Innanzitutto due parole sull’applicazione: siccome è molto densa non è facilissimo farla uscire dalla bustina, specie se si vuole dosarla; con una ‘monodose’ io ho fatto 4 applicazioni abbondanti, ma pur richiudendola con tutte le cautele per non farle prendere aria ho riscontrato un aumento della viscosità man mano che passava il tempo.

Quando si inizia a spalmarla sulla pelle si percepisce chiaramente un piacevole caldino: ecco cosa significa il self-heating (auto-riscaldante) che è stampato sulla confezione! E’ una sensazione strana, senza dubbio piacevole, ma dura molto poco, tempo di finire l’applicazione su tutto il viso e già si è raffreddata.

DSC_3167

Considerando la densità e il fatto che l’ho utilizzata con temperature <20° mi aspettavo che rimanesse ben salda sul viso… e invece dopo circa dieci minuti a iniziato a colare un pochino. Niente di esagerato, però nei punti in cui ce n’era un po’ di più (scordatevi lo strato spesso che a volte si fa con alcune maschere!) tendeva a soccombere alla forza di gravità. Potete notarlo nella foto qua sopra, tra le sopracciglia.

La rimozione è semplicissima, basta acqua tiepida e la maschera viene via senza problemi, proprio perchè tende a rimanere umida e a non seccarsi.
Per chi fosse interessato lascio l’inci, che non è malaccio:

DSC_8587

Avete mai usato maschere al cioccolato?
Vi piacciono i prodotti Montagne Jeunesse?