TAG: Flop Beauty 2015

flopbeautytag

Franci mi ha taggata e io rispondo! Seguirà anche la versione dei prodotti top, ci sto lavorando. Innanzitutto vorrei dire che i banner di questi due tag sono bellissimi *.*

Ecco le regole:

Devo ammettere che grandi cantonate cosmetiche quest’anno non ne ho prese… e per fortuna! Ho fatto meno acquisti dell’anno scorso e probabilmente più ragionati. Tuttavia qualche prodotto in lista nera c’è.. Le immagini le prenderò da internet perchè alcuni sono già stati smaltiti eheh

flop1

Deborah Dermolab – Struccante bifasico delicato: vade retro Satana! Una egregia schifezza XD Odore pessimo, potere struccante quasi nullo (e si che sarebbe un bifasico..) e untuosità a palate.

flop2

Bioderma – Solution micellaire peaux sensibles (rosa): la classica micellare Bioderma che tutte osannano… io mi ci sono trovata malissimo. Anche qui odore sgradevole e poco potere struccante.

flop3

Laurella – Salviette struccanti occhi/viso/labbra: adoro sperimentare nuove marche ma ogni tanto la pago. Queste salviette erano piuttosto asciutte e non struccavano per niente bene!

Credo che questi tre siano gli unici flop veri e propri… forse c’è stato qualche prodotto che non mi ha convinta del tutto o che sto ancora provando ma non so se è il caso di includerli qui…
Quindi passo all’ultima parte del tag, cioè la nomina di altri 5 blog (saranno poi ri-taggati nella parte dei prodotti top.. appena la scrivo!):

M.Elly, perchè anche se non parla spesso di beauty son sicura che qualcosa in merito avrà da dire
La Rockeuse, che spesso cita prodotti bio che non conosco
A cosmetic pie, che ha appena ripreso a bloggare e così è più stimolata XD
Cookie Beauty, che fa sempre delle foto stupende
… e il quinto tag è libero per chi altro volesse partecipare! 🙂

Il meraviglioso mondo delle acque micellari

Le acque micellari sono ormai diventate un prodotto quotidianamente usato da molte di noi ma fino a un paio di anni fa praticamente nessuno le conosceva.
Si tratta in realtà di un meccanismo molto semplice: il nome deriva dalle micelle, delle microsfere di tensioattivi che aggiunte a un prodotto liquido come può essere l’acqua termale permettono di detergere il viso eliminando delicatamente tutte le tracce di trucco.

Il bello dell’acqua micellare sta proprio nella sua diversità dagli struccanti classici: a differenza del latte detergente (e a maggior ragione di uno struccante oleoso) non lascia sulla pelle residui grassi o oleosi, o perlomeno la maggior parte si comporta così. Poi, dato che non aggredisce lo stato lipidico della pelle permette anche di saltare la fase del tonico.. un vero e proprio prodotto multitasking!

Grazie alla sua particolare formulazione riesce anche ad eliminare un trucco abbastanza resistente: ricordo infatti che l’acqua micellare è stata ‘importata’ dai backstage delle sfilate, dove il suo compito era appunto quello di struccare velocemente senza lasciare troppi residui. Personalmente preferisco comunque lavare il viso dopo averla utilizzata, ma teoricamente non è uno step obbligatorio.

micellari1

Nel corso del tempo ho avuto occasione di provare acque micellari di diversi brand:

micellari2

Come sapete adoro sperimentare e queste sono alcune acque micellari che mi piacerebbe provare:

Usate le acque micellari? come vi trovate?
Se avete suggerimenti, come sempre non esitate a sottopormeli 🙂

post sponsorizzato

Psp #36: April

DSC_77571. Aquolina – crema corpo vaniglia e gelsomino: ho ancora diversi campioncini di Aquolina, li avevo ricevuti con una sample bag molto interessante. Questa crema corpo aveva un profumo delicato e non persistente, si presentava di colore giallino con dei microglitter all’interno che però una volta sulla pelle non si vedevano (buuu).

Niente inci perchè non è stato possibile fotografarlo a causa della confezione trasparente con scritte su entrambi i lati.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

2. Clinique – clarifying lotion: campioncino di una lozione esfoliante, si presentava sotto forma di ‘foglietto scrubbante’, che detta così suona strano ma vi assicuro era un foglietto ripiegato, abbastanza rigido, imbevuto della lozione. Odore pessimo, l’ho oltretutto trovata piuttosto aggressiva sulla mia pelle mista ma a volte un pò sensibile.

DSC_7759La consiglio: no
La ricomprerò: no

3. Bioderma – solution micellaire nottoyante purifiante: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: si

4. Neutro med – docciaschiuma Sensual&Oil: docciaschiuma con oli di argan, marula e mandorla nonchè fiori di monoi. A ph neutro fisiologico, con una tollerabilità cutanea dermatologicamente testata, contenente tre diversi oli per donare alla pelle nutrimento ed elasticità. Non mi è dispiaciuto ma comunque non sostituisce la crema corpo; inoltre il profumo è gradevole ma non mi ha conquistata.

DSC_7763Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

5. Vichy – Cellu Destock: in foto sono due ma in realtà ho finito tre campioncini, ognuno bastante per due applicazioni. Si tratta di un siero anticellulite efficace sulle zone più resistenti ai trattamenti e alle diete, contiene caffeina pura al 5% e uno speciale attivatore lipolitico. Si presenta di colore verde chiaro, in gel, con un odore poco gradevole a mio avviso. Funziona? boh, di sicuro lascia la pelle più compatta, per i miracoli ci stiamo attrezzando XD

DSC_7760Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

6. Antica farmacia dei monaci camaldolesi – stick labbra al miele: è un burrocacao che mi hanno portato gli zii di ritorno dai suddetti monaci. Mi è piaciuto, idrata abbastanza bene e il miele si sente ma non troppo, caratteristica per me fondamentale nei prodotti labbra. Peccato per la reperibilità solo presso i produttori.

DSC_7761

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

7. Sapone al limone e rosmarino con luffa: ne avevo parlato qui, era un sapone handmade comprato a Barcellona. La luffa al suo interno ha un’efficace azione scrubbante anche se a volte fin troppo intensa XD Se mi ricapitasse di ritrovare saponi del genere li riacquisterei senza problemi!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

 

 

 

Bioderma – Solution micellaire sébium

DSC_7705

Probabilmente avrete tutti sentito parlare dell’acqua micellare Bioderma, per un periodo è stata una specie di holy grail del mondo beauty blogger. La versione più conosciuta, se avete avuto modo di vederla, ha il tappo rosa mentre questa che vi recensisco io è verde. Certo, il verde è il mio colore preferito ma non è questo il punto XD

Parliamo della Solution micellaire nettoyante purifiante (pulente e purificante) specifica per pelli miste e grasse: quando l’ho vista in negozio ho preferito provare questa perchè rispondente alle caratteristiche del mio tipo di pelle ma prossimamente testerò anche la classica per pelli sensibili.

E’ ipoallergenica, non contiene parabeni nè sapone nè alcool nè coloranti.
L’utilizzo è semplice, teoricamente non è necessario risciacquare il viso dopo l’uso ma io preferisco sempre non saltare questo step, è una mia fissa 😉

DSC_7710

L’apertura è costituita semplicemente da un foro fortunatamente non troppo largo, così da permettere la fuoriuscita del prodotto senza sprecarne.

Già da tempo ho abbandonato il cotone per la fase struccaggio e mi avvalgo invece del pannetto in microfibra: basta versare qualche goccia di soluzione micellare sul pannetto (nel mio caso verde, che ve lo dico a fare XD) e andare a rimuovere tutto il trucco. Anche i prodotti a lunga tenuta vengono spazzati via senza pietà, per il waterproof bisogna insistere un po’ di più – oppure utilizzare anche un bifasico.

Questa soluzione micellare è disponibile in tre formati diversi, io ho preferito prendere quello più piccino da 100 ml (circa 4€) giusto per provare.
L’inci non è bio ma se come me non siete troppo fissate non sarà un problema:

DSC_7709

Avete mai provato una micellare Bioderma? quale versione e come vi siete trovate?