KIKOiD… personalizza il tuo rossetto!

KIKOiD è il negozio Kiko più grande al mondo, è stato aperto nel 2017 e si trova a Milano in Corso Vittorio Emanuele I, 10. Al suo interno è presente un’area espositiva vastissima e una Private Room con tre postazioni trucco dedicate a servizi di make up personalizzati e prenotabili per un’esperienza totalmente unica e riservata.

Inoltre, il negozio di Milano è l’unico al mondo in cui è presente un servizio di personalizzazione sul momento di alcuni prodotti (rossetti e pennelli), un servizio che ho provato e di cui sono rimasta entusiasta.

Il procedimento di personalizzazione è semplicissimo: da uno schermo touch si sceglie il prodotto da personalizzare (tipo e colore), poi si passa alla scelta dell’immagine che verrà impressa e delle eventuali parole da aggiungere. A questo punto, si nomina il progetto e lo si invia alla postazione di personalizzazione.

La postazione di personalizzazione è composta da due bracci meccanici della ABB (una multinazionale svizzera specializzata in ingegneria e automazione): una volta avviato il procedimento, il braccio di sinistra compie movimenti automatizzati che identificano il tipo di prodotto inserito negli appositi supporti e lo prelevano.

Nel frattempo, il braccio di destra procede ad abbassare il vetro di protezione della camera in cui è situato il laser per l’incisione. Il braccio sinistro a quel punto deposita il tappo del rossetto in un altro apposito supporto all’interno della camera di incisione, poi il vetro di protezione viene chiuso e inizia il processo di incisione laser.

In caso invece il prodotto da personalizzare sia un pennello, sarà l’operatrice Kiko a posizionarlo all’interno della camera, poichè il braccio meccanico non è tarato per prelevare questo tipo di prodotto.

E’ a questo punto che comincia la “magia”, che poi tanto magia non è: sappiamo più o meno tutti che il laser crea incisioni sottilissime e precisissime e anche questo caso non fa eccezione. Potete vedere nella foto sopra il disegno che viene creato in pochissimo tempo.

Se l’incisione richiede relativamente poco tempo, tutti i movimenti necessari per prelevare il tappo del rossetto, posizionarlo correttamente, aprire e chiudere il portello  sono invece veramente lenti: saranno sicuramente scenografici ma se un’operatrice mettesse in autonomia il prodotto nella camera di incisione il tempo sarebbe sicuramente ridotto ad almeno la metà.

In ogni caso, il risultato finale è spettacolare: l’incisione è talmente sottile che sembra una stampa! I bordi sono precisi e ben fatti.

Ho voluto sfruttare questo servizio prima del Cosmoprof, per portare alle mie compagne di avventura un rossetto personalizzato che ci ricordasse questa edizione: potete vederli nella foto di apertura di questo post, dove manca il mio perchè ha avuto una storia un po’ più travagliata (…ma poi è arrivato!).

Quanto costa il servizio? So che è la domanda più gettonata in questi casi e vi do una notizia stupenda: la personalizzazione è gratuita, pagherete solamente il costo del rossetto o pennello, eventualmente scontato in caso di saldi.

Ne vale la pena? Assolutamente si, non solo perchè avrete un prodotto interamente personalizzato ma anche perchè arriverà dall’unico negozio Kiko al mondo che offre tale servizio. Inoltre, tra le immagini disponibili c’è anche il Duomo di Milano, per cui se siete in visita alla città potrete anche avere un souvenir diverso dal solito 😉

Conoscevate questo servizio del negozio KIKOiD? 🙂

Coccinelle Advent Calendar

Tante di voi stanno facendo i post con l’unwrapping dei vari calendari dell’avvento… io mi accontento di partecipare alle edizioni online che ogni anno i vari brand propongono. Oggi però vi parlo di uno in particolare, quello di Coccinelle (qui). Lo so, lo so, non manca molto alla fine ma siate clementi XD

coccinelle screen

Ecco cosa troverete una volta entrati sul sito: la grafica mi piace molto, semplice ma carina. Ogni giorno, cliccando sul numero corrispondente potrete scoprire una sorpresa: possono essere promo code (validi solo per quel giorno) o freebies di varia natura (disponibili anche dopo, presumo per tutto il mese).

Parliamo proprio dei freebies: sono pdf scaricabili di varia natura, con attività natalizie che accontentano un po’ tutti. Ci sono le etichette personalizzabili per i regali, le ricette sfiziose, le istruzioni per creare graziose decorazioni natalizie per la casa. Ecco qualche esempio:

cocc1 cocc2 cocc3

Stavate seguendo anche voi questo speciale calendario di Coccinelle? apprezzate i suggerimenti per le decorazioni? 🙂

Salon de Genève 2014: beautiful cars

Visto che se no Jesslan si indispettisce, ho ribaltato la mia programmazione post e anticipato questo XD

Oggi vi mostrerò le foto di alcune automobili viste al Salone di Ginevra che secondo me meritavano molto. Ho dovuto selezionare tra le quasi 400 foto che ho fatto, tralasciando alcuni modelli belli ma che non sono riuscita a fotografare in modo soddisfacente. Non mi dilungherò con le descrizioni perchè già il post è chilometrico abbastanza 😉
Come sempre, click per ingrandire le foto!

Ferrari California T - Pininfarina
Ferrari California T – Pininfarina
Lamborghini Huracan
Lamborghini Huracan
Lamborghini Huracan
Lamborghini Huracan
McLaren  650S
McLaren 650S
Bugatti Veyron "Rembrandt Bugatti"
Bugatti Veyron “Rembrandt Bugatti”
Koenigsegg One:1
Koenigsegg One:1
Mitsubishi XR-phew concept
Mitsubishi XR-phew concept
Opel OPC extreme
Opel OPC extreme
Opel Monza concept
Opel Monza concept
Toyota Aygo
Toyota Aygo
Lexus RCF GT3
Lexus RCF GT3
Lexus LF-NX
Lexus LF-NX
Alfa Romeo 4C spider
Alfa Romeo 4C spider
Maserati Alfieri
Maserati Alfieri
Honda FCEV concept
Honda FCEV concept
BMW i8
BMW i8
chi ci sarà mai su questa DS3 Racing? :)
chi ci sarà mai su questa DS3 Racing? 🙂

Salon de Genève 2014: fashion & cars

Come molti di voi già sapranno, domenica 9  marzo sono andata a Ginevra per visitare il salone automobilistico che si tiene ogni anno in città; per me era la prima volta non solo lì ma anche per quanto riguarda questo genere di manifestazioni.
E’ stata una giornata bella ma stancante, avendo solo sei ore per girare tutti i padiglioni abbiamo dovuto correre e tralasciare qualche cosa.. il fatto di aver trascorso quasi metà del tempo nelle aree dedicate alle supercar e ai marchi di alta gamma è assolutamente un dettaglio X°°D  Ho in mente diversi post in merito, condensare tutto in uno sarebbe stato un delirio: oggi vi parlo di come un occhio attento può trovare particolari in comune tra il mondo delle auto e quello della moda 🙂
Vi ricordo di fare click sulle foto per vederle ingrandite, qui son piccoline!

orchid

All’interno di un’area espositiva separata si trovava una retrospettiva sulla più famosa corsa del mondo, la 24 ore di Le Mans: erano presenti venti automobili che hanno fatto la storia della corsa, ma io voglio soffermarmi sulla Jaguar XJR12 del 1991. Ebbene sì, il colore dell’anno, Radiant Orchid, vi saluta da Ginevra 😉 Aaah, la mia visione femminile fa capolino ogni tanto!

denimmix

Lo stand di Roding (costruttore tedesco di auto sportive leggere in fibra di carbonio) presentava due versioni del suo modello Roadster R1 con motore posteriore, tant’è che una aveva il cofano aperto a mostrare come ci stesse comodamente un paio di sci, sconvolgente! L’altra (foto sopra) mi ha colpito per il pattern della fibra di carbonio: non assomiglia alla trama del tessuto denim, usurato ad arte?

holo4

Ecco una delle macchine che più mi è piaciuta, la Lexus RCF GT3: mega spoiler a parte, ho trovato molto interessante il dettaglio dei disegni olografici che percorrevano la superficie della carrozzeria, formando la scritta rcf sul lato destro. Immediato il collegamento con gli smalti olografici che da qualche stagione sono protagonisti sulle nostre unghie! Ma stiamo per parlare ancora di smalti con la prossima vettura..

holomix

La speciale vernice di questa Audi RS6-R ABT mi ha conquistata: nera con luccichii multicolori e anch’essi olografici, davvero spettacolare! Quindi anche qui ho trovato una somiglianza con gli smalti holo, ma di tipo scattered (e non linear come quello del modello precedente). E’ un effetto molto più discreto rispetto a quello del decoro della Lexus.

stripper3

Il signor Gumpert avrebbe un mezzo infarto se vedesse questa mia stramba associazione, lo so XD Ma un momento, fatemi spiegare: la supercar nella foto è la Gumpert Apollo, una cosetta che fa 0-100 km/h in meno di tre secondi. La livrea scelta per esporla è argentata al centro e rossa metallizzata tutt’intorno.. peccato che questo tipo di metallizzato mi abbia ricordato, in meno di quei famosi 3 secondi, il materiale di alcuni vestiti prettamente clubwear XD Va bè diciamo che dopo questa posso anche chiudere il post, onde evitare di degenerare ulteriormente!

Fatemi sapere come vi è sembrato questo post diverso dal solito, ho cercato di rendere appetibile un argomento snobbato dalla stragrande maggioranza della popolazione femminile ma non so se ci sono riuscita 😀

Instagram: who to follow?

instagram-logo

Sono abbastanza sicura che la maggior parte di voi utilizzi già Instagram, app che è ormai diventata la mia droga 😀 A proposito, mi trovate come @manu_fashioncat 😉
Seguo da tempo diverse amiche e colleghe di blog ma nel tempo ho scovato anche altri utenti che postano foto molto interessanti  e volevo quindi suggerirveli ^^ Ho pensato di dividerli per categorie così se non vi interessano potete saltarli a piè pari XD

SPORT
@sharkcookie : è un fotografo che ritrae esclusivamente ballerine e ginnaste *.*
@yoga_girl : una biondissima ragazza di Aruba che condivide le sue posizioni di yoga (anche in equilibrio sulle tavole da surf!!).
@patrickbeach : altro insegnante di yoga, spesso in compagnia dei suoi gatti!

Screenshot_2013-08-21-14-41-55

MACCHINE
@carswithoutlimits
@carlifestyle
@supercarfocusdotcom
Li ho raggruppati perchè più o meno son simili.. se amate le supercar (e non solo) troverete pane per i vostri denti!

Screenshot_2013-08-21-14-32-37

PAESAGGI
@ig29 : città, aerei e tanto colore.
@audiosoup : foto molto colorate, spesso di paesaggi urbani.
@craighowes : dal Sudafrica con la passione per l’acqua!
@est1984 : molto verde, molti tramonti e contrasti esasperati

Screenshot_2013-08-21-14-44-48-2

ALTRO
@_daisy : vita da gatto 😀
@monchouchou : una tenera bimba asiatica ^^
@james2231 : fotografa solo ragazze dai lunghi capelli!

Screenshot_2013-08-21-14-45-42

Karl Lagerfeld for Melissa shoes

Avrete tutti sentito parlare del brand calzaturiero brasiliano Melissa, famoso per le sue scarpe realizzate in pvc profumato. E saprete tutti che periodicamente Melissa collabora con grandi nomi non solo della moda (come Vivienne Westwood) ma anche di altri campi, quali l’architettura o il design.

Questa volta l’onore è toccato a Karl Lagerfeld (direttore creativo di Chanel), e i primi prodotti di questo binomio sono da poco disponibili in alcuni selezionatissimi negozi al mondo: per l’Italia c’è 10 Corso Como a Milano, a cui da giugno si aggiungerà lo store monomarca Melissa in via Tortona 12, sempre a Milano.

Dicevamo che per ora ci sono solo i primi quattro modelli: due ballerine e due decolletèes.

melissa-karllagerfeld-autunno-inverno-2013-14-melissima

Le ballerine (Melissima, a sinistra e Glam, a destra) hanno entrambe una punta piuttosto lunga, scelta quantomeno discutibile a mio parere. Melissima presenta un doppio cinturino alla caviglia ed è disponibile in blu opaco, burgundy, beige, grigio e nero. Glam ha tre semisfere trasparenti che decorano la punta, e le varianti cromatiche sono bianco, nero, grigio, argento e oro.

melissa-karllagerfeld-autunno-inverno-2013-14-ginga1

melissa-karl-lagerfeld-autunno-inverno-2013-14

Più interessanti i modelli a tacco alto: Ginga, a sinistra, è una mary-jane ispirata ai colori della bandiera brasiliana,  e richiama la sfera vintage. Incense, a destra, è il pezzo più particolare della collezione: basato su un modello già presente nella gamma Melissa, ha un curioso cono gelato glitter applicato sul tacco.

Cosa ne penso? Bè, le ballerine per me sono bocciatissime, quelle punte non si possono vedere! Per quanto riguarda le decolletèes è doveroso notare la loro estrosità ma credo che con l’outfit giusto possano rendere bene, specie Incense che è tutto sommato una scarpa normale con una decorazione strana sul retro 🙂

E voi indossereste scarpe del genere??? 😉

InterniLegacy 2012

Come vi avevo anticipato, ecco le foto della mostra-evento InterniLegacy, che si è svolta presso la mia università, la Statale di Milano. Ho raccolto qui solo le più significative, onde evitare di fare un post lunghissimo! Per chi è interessato, questo è  il link all’album FB con tutte le foto (visibile a tutti).

Le installazioni quest’anno  volevano essere messaggi/memorie per il futuro, a prescindere dalla loro effimera durata temporale; come sempre, grandi designer si incontrano con aziende internazionali (Samsung, Mini, Missoni, Alessi, Deborah Milano,..) per dar vita a veri capolavori.
Click sulle foto per ingrandirle 🙂

  

  

  

  

  

  

Versace for H&M

Ormai ci siamo, manca davvero poco al 17 novembre, data in cui verrà lanciata la capsule collection di Versace per H&M.  Le immagini della collezione sono già state diffuse e hanno suscitato opinioni contrastanti.

A mio parere, ci sono capi che meritano e capi che nemmeno il più infimo rivenditore si sognerebbe mai di proporre.. insomma, disordine bipolare imperante! I prezzi, come sempre per queste collaborazioni, non sono bassissimi: una media di 129€ per i vestiti, e 149€ per le borse; ovviamente i capi in pelle fanno lievitare considerevolmente i costi.

E’ presente una collezione donna, una uomo e una (mini) per la casa.

I punti vendita interessati, per la collezione donna, sono 12: due a Milano, due a Roma, poi Bari, Bologna, Firenze, Genova, Palermo, Parma, Torino e Venezia.

Ora qualche immagine (clic x ingrandire):


Devo dire che la collezione uomo mi ha lasciata ancora più perplessa, è la fiera del kitch! Trovo carini giusto i boxer e poche altre cose, ma in generale niente di eccezionale:

Che ne pensate? avete puntato qualcosa per cui vale la pena fare la coda? TELL ME 🙂

Fuorisalone Interni 2011

Finalmente riesco a scrivere un post sull’evento, ma purtroppo arrivo da 2 giorni senza internet, sono scusata? XD

Quest’anno si è svolta la 50esima edizione del Salone del Mobile a Milano, un evento che nel tempo è cresciuto per importanza e presenze; non vi parlerò della vera e propria fiera, ma di quello che è l’aspetto a me più vicino: le installazioni che vengono puntualmente poste all’interno dell’Università Statale (dove appunto io studio).


11-17 aprile 2011: Milano è diventata la capitale del design.

Noi cortili della statale si sono potute ammirare una serie di installazioni sperimentali frutto di una riflessione sul progetto architettonico mutante e flessibile, filo conduttore di quest’anno.

Presenze importanti, come l’archistar Zaha Hadid (anche i meno pratici di design la conoscono, vi ricordate delle scarpe Melissa che ha realizzato?), ma anche partner di tutto rispetto (Enel, Mini, Deborah Milano, ..) uniti per creare qualcosa di spettacolare che stupisca il pubblico.

Non è necessario essere esperti di design per apprezzare le loro opere.. la parola alle immagini 🙂
(click sulle foto per ingrandirle)

Per eventuali chiarimenti sulle opere sono a disposizione 🙂