Bottega Verde – Scrub Cancellulite

Ho sempre pensato che “Cancellulite” fosse un nome bellissimo per dei prodotti anticellulite, che promettono di cancellarla appunto. Bottega Verde con questo nome ha decisamente vinto tutto XD

Nel mio amore sconfinato per gli scrub, ho scelto di provare lo scrub anticellulite di Bottega Verde, con l’idea che potesse avere una marcia in più rispetto ad un ‘semplice’ scrub.

Lo scrub è contenuto in un tubo di plastica morbida dalle linee pulite ed essenziali. Il tappo è a scatto e il foro erogatore è di dimensioni medie, adeguate a rilasciare un prodotto dalla texture un po’ spessa come in questo caso.

L’azione esfoliante è data dai microgranuli di nocciolo d’albicocca, un elemento piuttosto comune negli scrub. Una volta che la pelle è stata esfoliata è anche più ricettiva ai principi funzionali presenti in formula: olio di Mandorle dolci, Vitamina E, Caffeina e SMA Slimming, ad effetto guaina.

La texture è abbastanza particolare: è molto cremosa, cosa non usuale per gli scrub, e dopo l’uso la pelle appare non solo più liscia ma anche più idratata – l’olio di mandorle dolci sicuramente ha un ruolo fondamentale. La cremosità non deve però trarre in inganno: rimane comunque molto semplice da sciacquare via, ma fate attenzione a ripulire bene la doccia perchè tende a depositarsi sulle pareti e sul fondo.

Qui sopra trovate l’inci, piuttosto lungo devo dire.

Lo scrub Cancellulite è disponibile nel formato da 150 ml, con pao di 12 mesi, ad un prezzo di 15,99 € – spesso però è tra i prodotti in sconto sia nei negozi che sul sito.

Avete mai provato la linea Cancellulite di Bottega Verde? 🙂

Balea – Trocken Shampoo [shampoo secco]

Oggi parliamo di un altro acquisto proveniente dalla Germania e più precisamente dalla catena di negozi più famosa tra noi beauty-addicted: il DM! Come sapete, DM è una catena di negozi stile Tigotà/Acqua e sapone che è presente in Germania – ma che prestissimo pare arriverà anche in Italia.

Ho voluto testare uno shampoo secco della linea “base” di Balea, per vedere un po’ se poteva fare al caso mio. Nello specifico, questo shampoo secco è indicato per tutti i tipi di capelli e promette di donare volume e tenuta alla chioma.

Due parole sulla confezione, che è abbastanza spartana e funzionale, in varie tonalità di azzurro stampate sul corpo di alluminio; erogatore e tappo sono invece in plastica sempre a tono.

Innanzitutto vi ricordo che, dopo numerosi anni di utilizzo di questi prodotti, ho capito quale metodologia di applicazione funziona meglio sui miei capelli, permettendomi di ottenere ottimi risultati con praticamente qualsiasi shampoo secco.

Ecco come procedo:

  1. Spruzzo una modesta quantità di shampoo sulla sommità del capo (dove c’è la riga), poi a destra e a sinistra verso le orecchie, sollevando i capelli per arrivare alle radici. Poi mi metto a testa in giù e erogo il prodotto alla base del capo.
  2. Lascio in posa una decina di minuti, intanto faccio altro (alla mattina per esempio faccio colazione o mi trucco).
  3. (IMPORTANTE!!) Non spazzolo subito, ma piuttosto mi metto a testa in giù e friziono con l’asciugamano tutta la testa, come dopo aver lavato i capelli. Questo aiuta a dare volume e pulire meglio, almeno secondo la mia esperienza.
  4. A questo punto, spazzolo i capelli. Et voilà!

Ma veniamo al dunque: come mi sono trovata col Trocken Shampoo di Balea? Ebbene, divinamente. Fa il suo lavoro in modo egregio e i capelli risultano puliti e leggeri, sicuramente volumizzati. Inoltre profuma di vaniglia (e non di chimico come altri suoi colleghi), il che non guasta.

Qui sopra trovate l’inci, per chi volesse saperne di più.

Il Trocken Shampoo di Balea è disponibile nel formato da 200 ml al prezzo, molto conveniente, di 1,95 €.

Che rapporto avete con gli shampoo secchi? avete mai provato quelli di Balea? 🙂

Yes or No?

Ormai lo avrete capito, se per metà del tempo parlo di cosmesi, per l’altra metà mi diletto di moda e specialmente di scarpe.

Quando poi vedo qualcosa di abbastanza strano non mi so trattenere dal sondare il pensiero delle altre persone per capire se sono io che non capisco la moda o gli stilisti hanno bevuto un bicchierino di troppo 😉

Il tema di oggi è: il tacco storto.

Lo so, anticipo le vostre obiezioni circa l’esistenza nel passato di tacchi storti di autori ben più quotati del brand spagnolo Mango, ma mi rimane comunque indigesto il tacco così. Lo trovo sgraziato e forzatamente inusuale.

Non aggiunge carattere nè certo eleganza alla calzatura su cui è montato –  e che nello specifico non brilla per originalità e bellezza.

Se però a voi piace, come dicevo è di Mango e costa 49,99 €, disponibile in rosso o nero (qui).

Adesso però attendo le vostre considerazioni sui tacchi storti!

DM Sun Dance – Après pflege schaum [schiuma doposole]

Quest’anno per la crema doposole mi sono affidata alla linea Sun Dance di DM. Come sapete, DM è una catena di negozi stile Tigotà/Acqua e sapone che è presente in Germania – ma che prestissimo pare arriverà anche in Italia.

Avendo a disposizione un collega che faceva la spola tra Italia e Germania, qualche mese fa ho iniziato a scandagliare il sito del DM in cerca di ispirazione: alcuni prodotti li avevo già provati in precedenza mentre molti altri mi erano nuovi. Tra i miei (numerosi) acquisti c’è quindi stata sia la crema solare SPF 30 per pelli sensibili, sia questo doposole.

E’ un prodotto per certi versi strano: mi ha attirata perchè è una crema sotto forma di schiuma. Il prodotto all’interno è liquido ma poi tramite l’erogatore viene magicamente tramutato in schiuma sofficissima. E’ una gioia per gli occhi 😀

Contiene pantenolo, olio di avocado, olio di jojoba e vitamina E, che hanno un’azione lenitiva e nutritiva, adatta quindi a curare la pelle stressata dopo l’esposizione al sole. Non ha un particolare profumo.

Come molti prodotti tedeschi, contiene alcool e io personalmente me ne sono accorta perchè una volta spalmata la schiuma, questa si asciuga in veramente pochissimo tempo (vi ricordo che l’alcool evapora). Inoltre, devo ammettere che il giorno dopo la mia pelle non è più così idratata, segno che l’alcool presente mi ha seccato un po’ l’epidermide.

La confezione è molto lineare, sui toni tipicamente estivi dell’azzurro e del giallo, ed apprezzo in modo particolare che sia in plastica trasparente (perlomeno sotto) così da avere una vaga idea del livello di utilizzo. L’erogatore è in plastica azzurra, a pressione, ed è intuitivo da usare: tuttavia avrei gradito un ulteriore tappo a copertura o un blocco, perchè così com’è mi da l’idea che potrebbe fuoriuscire del prodotto in caso di contatto accidentale con altre cose in valigia.

Qui sopra potete vedere l’inci, per chi fosse interessato a consultarlo.

La schiuma doposole Sun Dance è reperibile unicamente nel formato da 150 ml ed un prezzo di soli 1,95 €. Il bello dei prodotti DM è che costano molto poco pur essendo di buona qualità!

Avete mai provato una schiuma doposole? 🙂

 

 

Yes or No?

Signore e Signori, oggi vi propongo una vera delizia per gli occhi!

Girando per saldi sono entrata anche da Ritmo Shoes, un multimarca presso cui negli anni ho acquistato diverse calzature e con buona soddisfazione. Ovviamente, come tutte le grandi catene, tende a venire incontro alle tendenze che si susseguono nella moda… e in questo caso devo dire “purtroppo”!

La foto che vedete è stata scattata nel punto vendita di Arese (MI). Io e la mia amica eravamo alla ricerca di qualche occasione scontata e invece ci siamo imbattute nella fiera della badante.

Come avrete potuto notare, quest’estate è scoppiata la moda delle ciabatte a fascia larga (già presente da qualche tempo, in realtà) e sono fiorite una serie di proposte che vanno dall’orrido all’immettibile, e gli esemplari qui sopra raffigurati rientrano in pieno nella categoria.

Si tratta di ciabatte con tacco basso e fascia molto larga, finemente colorata con sobrie tonalità metallizzate e una texture used. La decorazione applicata su di esse rappresenta due morsetti dorati, che le più attente ricondurranno subito a quelli più iconici del marchio Gucci (e qui potremmo discutere di possibili azioni di contraffazione ma vi annoierei).

Insomma un capolavoro di sobrietà ed eleganza che tutte le donne vorranno sfoggiare in questa estate 2017.   …o no?

Scarpe Zara – autunno/inverno 2017/8

Fa strano parlare di scarpe autunnali ad agosto, ma d’altronde è proprio col finire dei saldi che le nuove collezioni avanzano prepotentemente sugli scaffali dei negozi.

Zara non fa eccezione e come ogni anno propone una nutrita schiera di proposte di calzature che promettono di andare incontro ai gusti di un pubblico molto variegato.  Non solo tacchi vertiginosi ma anche mezzi tacchi (alcuni molto bon ton, altri più particolari) e ballerine dal gusto stravagante.

La selezione qui sopra mostra solo alcune delle scarpe con mid-heels che potete vedere sul sito di Zara, oltre che nei negozi. Sono stata molto colpita dalla grande varietà di stampe e colori che è stata proposta quest’anno, tanto che non escludo di far posto ad un paio di scarpe stampate nella mia scarpiera!

Anche il reparto ballerine è piuttosto ben fornito: nella selezione qui sopra ho scelto di mostrarvi qualcosa di un po’ più insolito, perchè diciamocelo, di ballerine lisce nere siamo piene tutte! Via libera allora ai dettagli preziosi e alle silhouette audaci per vivacizzare anche gli outfit invernali più noiosi.

* * *

La collezione Zara scarpe ovviamente prevede molti altri modelli, dagli stivali alle ciabatte pelose. Di certo quest’autunno non ci si potrà annoiare!  Mi riservo di vedere di persona qualche modello per capire se la qualità sarà questa volta perlomeno sufficiente – purtroppo spesso Zara propone design accattivanti ma di fattura pessima (scarpe durissime!).

Vi farete tentare da qualche calzatura firmata Zara?

Elgon Green presenta IMAGEA, la nuova linea per capelli [pressday]

Elgon, brand internazionale leader nel settore professionale della cura dei capelli, ha creato la divisione Elgon Green, dedicata a prodotti naturali per venire incontro a quei consumatori che sono più attenti all’aspetto ecologico ed etico dei consumi.

Elgon Green ha anche ideato Mother Science, un disciplinare frutto di una rigorosa ricerca scientifica, che tratta nel dettaglio questa tematica così importante e allo stesso tempo delicata, ponendosi l’obiettivo di essere un riferimento chiaro e preciso per l’industria nella creazione di linee cosmetiche all’insegna di ingredienti di derivazione vegetale e di materiali ecologici ed ecosostenibili.

In conseguenza di ciò è nata la nuovissima linea IMAGEA, basata su cinque valori fondamentali: fiducia, qualità, sostenibilità, etica e made in Italy. IMAGEA si compone di prodotti  che contengono ingredienti biodegradabili e da agricoltura sostenibile accuratamente selezionati; inoltre il packaging garantisce il più alto livello di sostenibilità e riduce le emissioni di CO2. I flaconi ed i vasi utilizzati, infatti, sono in PET riciclato, i tubi e le etichette sono in bioplastica proveniente dalla canna da zucchero, mentre gli astucci sono in carta certificata FSC.

La linea Imagea Haircare si compone di sei prodotti senza Sls, Sles, Siliconi, Parabeni, Petrolati, PEG, Cessori di Formaldeide e Coloranti Sintetici, che è possibile combinare per creare dei trattamenti ad hoc, in salone o a casa, per rispondere alle necessità di ogni tipo di capello.

Il prodotto più innovativo è PHYTOGOMMAGE, un leggero esfoliante per il cuoio capelluto che contiene microgranuli del Tamanu, Olio di Melone del Kalahari e Proteine dell’Orzo. Ha un’azione detossinante, purificante e prepara la cute ai trattamenti successivi.

La linea Imagea Haircare prevede due categorie diverse di shampoo e balsamo, pensate per trattare tutte le tipologie di capello: Essential e Absolute.

La categoria Essential è composta da Essential Shampoo ed Essential Hair Balm. La linea si distingue per dettagli dal colore viola sul packaging ed è indicata per capelli naturali, fini e/o grassi. Contiene Estratto di Riso Viola del Laos dall’azione nutriente e idratante, Estratto di Arancia dal potere rivitalizzante e Olio Essenziale di Arancia dalla fragranza irresistibile.

La categoria Absolute, invece,  è composta da Absolute Shampoo e Absolute Mask. La linea si distingue per dettagli dal colore ocra sul packaging ed è indicata per capelli colorati, secchi e/o danneggiati. Contiene Estratto di Quinoa delle Ande che protegge e nutre e Estratto di Melograno Bio ad azione antiossidante e protettiva del colore.

Infine il prodotto PHYTOELISIR, un olio-latte leggero con Olio di melone del Kalahari e Proteine dell’Orzo che si trasforma in una sorprendente emulsione fondente che dona un’eccezionale lucentezza e una straordinaria idratazione. Senza risciacquo e a rapido assorbimento, non appesantisce e va nebulizzato sui capelli umidi o asciutti prima di procedere con lo styling.

Conoscete Elgon Green? proverete qualche prodotto? 🙂

 

Psp #63: July

1 . Kocostar – Sunflower mask sheet: maschera “a bolloni” presa al Cosmoprof. Si compone di tanti pezzi di maschera rotondi raffiguranti dei girasoli, di misure diverse, fatti dello stesso materiale delle maschere di tessuto e imbevuto di siero. Le si applica sul viso – con un effetto abbastanza esilarante – e si attende che asciughino. Sinceramente non ho visto grandi benefici ma è rinfrescante e divertente.

L’inci è in coreano quindi mi sembra inutile postarlo.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

2 . Sephora – pomegranate eye mask: due maschere sagomate per l’area occhiaie, con estratto di melograno ad effetto tonificante e defaticante. Come sopra, sono una piccola coccola ma non ho rilevato grandi cambiamenti. Lo ammetto, le maschere in tessuto su di me paiono fare meno effetto di quelle in crema/gel!

Li consiglio: no
Li ricomprerò: no

3 . Coop – salviettine intime delicate: contengono succo di aloe ed estratti di camomilla. Non mi hanno creato irritazioni ma non erano molto imbevute.

Le consiglio: si
Le ricomprerò: no

4 . Essence – ombretto color carne: era un ombretto matte color carne, che usavo per definire l’esterno del trucco occhi. Ha fatto il suo lavoro ed è finito, ottimo! Questa versione non è più in produzione, erano le cialde con in rilievo una specie di disegno floreale.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: si

5 . Giardino dei sensi Ecobio – docciaschiuma Bacche di goji: un buon docciaschiuma, dal profumo delicato e che faceva tanta schiuma. Aveva la chiusura difettosa però, quindi l’ho usato appena mi è stato regalato (contravvenendo al mio ordine di smaltimento dal prodotto più vecchio al più nuovo)!

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

6 . Lumene – Bright now vitamin C night cream: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

7 . Bottega Verde – Scrub mask all’albicocca: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

8 . Parisienne – shampoo secco Lin Exence: shampoo secco ai semi di lino. Non mi ha entusiasmato perchè mi ha seccato i capelli un po’ di più rispetto ad altri suoi colleghi.

Lo consiglio: no
Lo ricomprerò: no

9 . Essence – colour arts eye base: base per pigmenti, viscosa e densa…ed appiccicosa. Ottima per le polveri libere, un po’ carognina con le polveri pressate. Però ottima tenuta in tutti i casi. Continuo comunque a preferire le basi non appiccicose.

La consiglio: no
La ricomprerò: no

10 . Demak Up – dischetti struccanti: non mi hanno conquistata perchè non sono cuciti e si sfaldano facilmente.

Li consiglio: no
Li ricomprerò: no

11 . Sephora – Gelée micellaire demaquillante: review e inci qui.

La consiglio: si
La ricomprerò: no

12 . Avon – gloss: vecchissimo, lo butto per disperazione perchè non lo so da anni e ha decisamente cambiato odore. E’ stato uno dei primi gloss che ho comprato, un colore my lips but better leggermente glitterato.

Lo consiglio: si
Lo ricomprerò: no

Corine de Farme: Eau micellaire pureté

Ho scoperto questo marchio al Cosmoprof e contemporaneamente sono anche venuta a conoscenza del fatto che i prodotti sono reperibili in Italia: la distribuzione non è capillare ma ultimamente inizio a notare una presenza più importante presso alcune catene come Caddy’s, Marionnaud e Lillapois.

Devo dire che l’incontro al Cosmoprof è stato casuale, dal momento che era l’ultimo giorno del Cosmopack e lo stand stava venendo smantellato: per questo motivo, i prodotti esposti venivano venduti a prezzi più o meno casuali e – per mia somma gioia – bassissimi.

Oggi vi parlo dell’Eau Micellaire Puretè, un’acqua micellare leggera e performante, con il 97% di ingredienti di origine naturale.

Innanzitutto due parole sull’azienda: Corine de Farme è una compagnia francese che, partita dai prodotti per l’infanzia, ha poi sviluppato linee cosmetiche per la cura del corpo sempre improntate ad un utilizzo compatibile con le pelli più delicate e sensibili. Inoltre, le formulazioni contengono estratti di piante e fiori che vengono purificati proprio per risultare il più tollerabili possibile a tutti i tipi di pelli, senza però perdere le loro virtù e proprietà benefiche naturali.

L’acqua micellare si presenta in forma liquida, è completamente trasparente e inodore e ha una consistenza leggermente “scivolosa”, data dalle micelle (piccole particelle di tensioattivi che intrappolano le impurità presenti sulla superficie della pelle).

Io la uso in combinazione con un pannetto di microfibra e devo dire che è piuttosto efficace: rimuove senza problemi il trucco anche longlasting, mentre in presenza di trucco waterproof è necessario insistere un pochino. In alternativa, il consiglio è sempre quello di utilizzare un bifasico oleoso per eliminare il trucco ‘ostico’, così da non irritare la pelle sfregandola nel tentativo di struccarsi.

Ho apprezzato particolarmente la versione travel (da 100 ml) perché permette di farsi un’idea ben precisa dell’efficacia del prodotto senza essere costretti all’acquisto della versione full size, che in questo caso è contiene ben 500 ml di acqua micellare, sempre all’interno di flaconi in plastica riciclabile.

Purtroppo non sono riuscita a recuperare info certe sui prezzi: sembrerebbe però che la versione maxi da 500 ml costi tra i 4 e i 6 euro.

Sulla confezione è indicato un pao di 6 mesi ed è riportato l’inci che vedete qui sopra.

Conoscevate già Corine de Farme? E la sua acqua micellare? 🙂