Talk about: trademarks exposed

anya-hindmarch-1006e

In principio fu Moschino,o perlomeno lui è il più famoso: prende un abito o un acessorio e ci piazza su un bel logo (non suo) in bella vista. E più è strano meglio è.

Vi ricordo la collezione a tema McDonald’s o quella con Barbie, per dire.

Ma questo cosa c’entra con l’immagine sopra?

La borsa che vedete è di tal Anya Hindmarch, che Wikipedia mi dice essere una vispa signora inglese di quasi cinquant’anni, che si diverte a creare accessori con decorazioni più o meno assurde. Potete trovarne un buon numero su Yoox. Tra le varie (simboli di lavaggio, batterie, arcobaleni e via dicendo) ho scelto il logo di Carrefour.

L’avevate riconosciuto no? Il logo di un famoso supermercato, che io fino a pochi anni fa credevo rappresentasse una freccia un po’ stramba e poi m’han detto che, in negativo, si vede una C (ditemi che non ero l’unica!).

Mi auguro che la Hindmarch abbia pagato a Carrefour la licenza d’uso, ma comunque non è questo il tema del post.

La domanda è: ma voi indossereste simboli a caso sul vostro abbigliamento? Simboli che non hanno alcuna attinenza coi vestiti e il sentire comune non porrebbe mai su di essi?

15 thoughts on “Talk about: trademarks exposed

  1. Io indosserei il logo Lidl perché amo Lidl 😀 imbecillità a parte, non penso riuscirei veramente a indossare loghi del genere ma non perché sono da supermercato ma proprio perché io non amo i loghi in generale, neppure quelli, chessò, Ralph Lauren o altra roba, mai amati!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...